Arrivano nuovi particolari sull'ospitata di Pamela Prati a Verissimo, registrata giovedì e in onda sabato 11 maggio su Canale 5. Secondo quanto riportato da Riccardo Signoretti su Facebook, che ha anticipato il servizio pubblicato su Nuovo, nello studio di Silvia Toffanin la Prati e la sua manager Eliana Michelazzo avrebbero sostenuto di essere stata addirittura "minacciate con l'acido". Il giornalista ha riportato alcuni virgolettati dell'intervista, in particolare sul momento in cui la Prati (dopo una breve "fuga" e il successivo ritorno in studio) ha mostrato alla conduttrice la presunta foto di Mark Caltagirone.

Toffanin: "Io ti auguro con tutto il mio cuore che l'uomo nella foto sia Marco. Potrebbe anche essere il cugino di Eliana (Michelazzo, agente della Prati)".
Prati: "Ti potrebbero dire che sono falsi anche i documenti. Si sta facendo un caso incredibile. Ma non si può mettere alla gogna un personaggio".

Il matrimonio con Caltagirone si farà (ma non si sa quando)

La Prati inoltre, ha confermato che il matrimonio, rimandato ufficialmente, prima o poi verrà celebrato. La data però, non sarà mai comunicata: "Io però mi guarderò bene dal dirlo!". Nel parlare dell'abito da sposa, sono sopraggiunte le lacrime: "Sognavo da questo giorno fin da piccola". Ed è qui che è scoppiato un nuovo scontro con la Toffanin, dopo quello all'inizio dell'intervista di cui vi abbiamo già parlato. Pamela a quel punto si è paragonata a Gigi Sabani.

Toffanin: "Perché ci siamo ridotti a…".
Prati: "Ridotti? Ma ridotti che cosa?? È tutta cattiveria. Gigi Sabani venne massacrato".

Un biglietto di minacce

La rivelazione più scioccante riguarda la presunta aggressione e le minacce ricevute, di cui ha parlato Eliana Michelazzo (anche lei in lacrime): "Siamo state aggredite, ci hanno tirato l'acido sotto casa". Sarebbe persino addirittura un bigliettino con l'inquietante scritta "Al matrimonio ci arrivate a metà". "Siamo addirittura alle aggressioni", ha ribadito la Prati, "Ho trovato fuori casa l'acido e un biglietto orrendo. Ma alla fine io che cosa ho fatto?".

Toffanin: "Non è che all'inizio avete costruito tutto e poi la situazione vi è sfuggita di mano?".
Prati: "Ma che cosa dici? Ti prego… Non è la gente che mi attacca, sono certi siti".
Michelazzo: "Se tu, Pamy, non avessi avuto un'agenzia di management, non sarebbe successo tutto questo".

Insomma, la colpa sarebbe dei media, ma non è chiaro per quale motivo qualcuno avrebbe deciso di minacciare la Prati e la sua agente.