346 CONDIVISIONI
Opinioni
21 Gennaio 2021
15:59

No, Omar Sy non è il Lupin nero: è Assane Diop, un ragazzo come tanti

Omar Sy è Assane Diop, un uomo la cui vita è stata devastata 20 anni prima e decide di fare giustizia ispirandosi al personaggio creato da Maurice Leblanc. Ecco perché l’etnia senegalese non c’entra niente, ecco perché è sbagliato parlare di “Lupin nero”: è la storia del legame che ogni uomo ha con il proprio passato, riflesso all’interno di un romanzo che ha amato.
346 CONDIVISIONI

Lupin – Sulle orme di Arsenio è la serie Netflix più vista al momento. Nei primi 28 giorni, è stata vista da oltre 70 milioni di famiglie superando tutti i record, anche i più recenti messi, nell'ordine, prima da La Regina degli Scacchi e poi da Bridgerton. Ne abbiamo parlato in abbondanza dei motivi per cui Lupin è una serie interessante. Perché c'è Omar Sy che veste i panni di un ladro gentiluomo, elegante ed è, in ultimo ma non meno importante, un gran figo.

Omar Sy è Assane Diop, un uomo la cui vita è stata devastata venti anni prima da un errore giudiziario che ha riguardato il padre, e che decide di vederci chiaro e fare giustizia ispirandosi ai romanzi di Lupin, scritti da Maurice Leblanc: letture che proprio suo padre gli aveva suggerito. Proprio come Lupin, Assane cambierà volto e identità più volte. Più andiamo a fondo della questione, episodio dopo episodio, più capiamo quali siano le reali intenzioni del protagonista.

La serie tv, creata da George Kay e diretta da Louis Leterrier (uno dei discepoli di Luc Besson), è ricca di spunti, mescola ottime scene d'azione con approfondimenti drammatici sicuramente meno convincenti. Questo è magari il punto su cui si può discutere. Ma per il resto, Lupin è una serie che condensa in cinque episodi grande intrattenimento senza prendere in giro nessuno. E la serie poteva avere come protagonista Omar Sy come un altro, ma l'etnia non c'entra niente perché qui c'entra il legame che un uomo con il proprio passato, che è riflesso all'interno di un romanzo che ha amato. Ecco perché leggere oggi proprio su un quotidiano come il Corriere della Sera una riduzione a presunte mode, pretesti per "compiacere il politicamente corretto", ci lascia con l'amaro in bocca e ci costringe a ribadere questa ovvietà: non è il Lupin nero, è Assane Diop. Un ragazzo come tanti.

346 CONDIVISIONI
Gennaro Marco Duello (1983) è un giornalista professionista. Lavora a Fanpage.it dal 2010 nella redazione Spettacolo. Dal 2012 al 2016 ha ideato e condotto il format “Fanpage Town”, dedicato al mondo della musica con interviste e performance dal vivo. Dal 2020 conduce, per la live Youtube di Fanpage.it, la rubrica “L’hai vista questa?” sul mondo delle serie tv.
Il trailer di Lupin, la serie tv sul ladro gentiluomo che ha il volto di Omar Sy
Il trailer di Lupin, la serie tv sul ladro gentiluomo che ha il volto di Omar Sy
Lupin 2 si farà: data d'uscita, cast e tutto quello che devi sapere sulla serie Netflix con Omar Sy
Lupin 2 si farà: data d'uscita, cast e tutto quello che devi sapere sulla serie Netflix con Omar Sy
Lupin su Netflix, anche Kalidou Koulibaly stregato dalla serie tv: "Bravo Omar Sy"
Lupin su Netflix, anche Kalidou Koulibaly stregato dalla serie tv: "Bravo Omar Sy"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni