La squalifica di Morgan e Bugo è stata tanto imprevedibile quanto probabilmente unica nella storia recente del Festival di Sanremo. Amadeus, per motivare l'allontanamento dei due dalla gara, ha parlato di "defezione". Il regolamento della kermesse musicale non si esprime in maniera chiara sulle defezioni durante le esibizioni sul palco del teatro Ariston, ma fa riferimento ad altre possibili defezioni che possono accadere nel corso della competizione canora. Ecco il passo del regolamento di Sanremo 2020 in cui si parla di defezione, l'unica volta in cui questo termine viene citato in più di trenta pagine.

Il regolamento sulle defezioni al Festival di Sanremo

Si parla di "defezione" all'interno del regolamento di Sanremo nella parte dedicata alle Disposizioni Generali e Finali, nello specifico all'interno del paragrafo dedicato alle "Esibizioni e Prove" degli artisti.

Recita il regolamento: "In tutti i casi di defezione o di esclusione, da qualsiasi motivo determinate, con salvezza di ogni ulteriore diritto e/o azione previsti dalla legge e/o dal presente Regolamento, il Direttore Artistico avrà l’insindacabile facoltà, valutate le circostanze del caso, di scegliere e invitare un altro Artista con relativa canzone nuova (secondo i criteri regolamentari indicati precedentemente) o di non procedere ad alcuna sostituzione".

La squalifica di Morgan e Bugo decisa da Amadeus

Stando al regolamento, Amadeus avrebbe potuto anche procedere alla sostituzione dei concorrenti esclusi, ma chiaramente il fatto di essere molto oltre le prime fasi delle selezioni ha portato il Direttore Artistico a optare per una squalifica che facesse a meno della sostituzione. In ogni caso, è altresì probabile che ci sarebbe stata in ogni caso una discussione sulla liceità di presentare sul palco dell'Ariston un testo diverso da quello concordato e presentato alle selezioni del Festival.