Moreno Donadoni, vincitore della scorsa edizione di Amici, quest'anno ha un'enorme responsabilità all'interno del programma, ovvero quella di guidare la squadra bianca verso la vittoria. Un ruolo che è appartenuto lo scorso anno all'amica Emma Marrone, che ne uscì trionfatrice grazie proprio alla vittoria del rapper Moreno. L'alunno che supera il maestro? Non proprio, ma almeno gli si avvicina. A tal proposito tante sono state le polemiche sollevate a causa dell'inesperienza e dell'età ancora un po' "acerba" dell'interprete di Stecca, che ha dovuto fronteggiare una situazione non proprio comoda appena è rientrato nello studio di Amici di Maria De Filippi.

Alle telecamere di Fanpage Moreno ha confessato che non gli interessano granché tutte queste chiacchiere e che l'unico modo di smentirle è dimostrare di valere qualcosa sia come cantante che come coach. Non darà adito a nessuna di esse, quindi, e proseguirà per la sua strada nella speranza che un membro della squadra bianca possa stringete l'ambito trofeo tra le mani ancora una volta:

Le critiche ci sono e ci saranno sempre. Ritengo che le critiche sono importanti quando sono costruttive, quando non hanno fondamenta invece mi entrano da una parte e mi escono dall'altra. […] Purtroppo siamo in Italia a volte come mentalità, in America ci sono tantissimi artisti che diventano famosi già da giovanissimi. Una frase che ho sentito in questi giorni che mi piace proprio tanto è che "il talento non ha anagrafe" e che se hanno qualcosa da dire l'importante è che ne parlino. Io non risponderò con un'altra critica, bensì con i fatti.