22 Novembre 2013
12:13

Mission, Michele Cucuzza e Rula Jebreal alla conduzione?

Sembra essere giunto ad un punto di svolta il nodo sulla conduzione del programma così discusso durante l’estate: la giornalista israeliana affiancherebbe il volto noto della tv.
A cura di Andrea Parrella

Sono state quasi definitivamente sciolte le riserve relative alla conduzione di Mission, il programma sul quale ci sono state numerose polemiche provenienti anche da rappresentanti delle istituzioni (per prima Laura Boldrini, che ha rivelato di essere stata tra le persone che avevano "ideato" il programma originariamente), o dallo stesso Movimento 5 Stelle, in particolare nella persona del presidente di Commissione Vigilanza Rai, Roberto Fico.

Inizialmente, per la conduzione, si era parlato di Massimo Giletti, già alla guida de "L'Arena" e decisamente uno dei volti più affermati della rete. Ma probabilmente il conduttore non se l'è sentita in virtù del chiacchiericcio sviluppatosi attorno al format. Identico, probabilmente, il motivo del no di Marco Liorni. Così, secondo un'indiscrezione di Tv Blog, pare che la scelta della Rai per il programma che andrà in onda in due puntate a dicembre, sia stata indirizzata su colui che per primo si era recato in un campo profughi africano, ovvero Michele Cucuzza.

Al suo fianco potrebbe esserci un volto già noto in tv, quello della scrittrice e giornalista israeliana Rula Jebreal, che negli anni scorsi ha partecipato alla prima edizione di Annozero del 2006 con michele Santoro e, inoltre, aveva una rubrica nella formula di Omnibus di qualche anno fa. Il programma ha dunque raggiunto una sua forma definitiva, oppure questo schieramento è ancora variabile?

"Mission Impossible", il bimbo 007 ruba al cane
8.125 di ViralVideo
Tale e quale show riparte con le
Tale e quale show riparte con le "mission impossible" di Gabriele Cirilli
Soldati americani in missione, interpretano
Soldati americani in missione, interpretano "Call Me Maybe"
1.104 di ViralVideo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni