Tonia e il figlio Michele sono i protagonisti di una delle storie andate in onda a C’è posta per te nella puntata del 16 marzo 2019. A rivolgersi alla trasmissione è la donna, nel tentativo di riconquistare il figlio. Malata di sclerosi multipla fin da quando aveva 22 anni, Tonia ha raccontato di avere lasciato il figlio alle cure della nonna paterna perché temeva di non potersene occupare. I due non si sono mai davvero allontanati, perché Tonia negli anni ha sempre cercato di vedere suo figlio. Nel frattempo, la donna si è risposata e ha avuto altri due figli.

Michele mette in dubbio la diagnosi della madre

Quando Michele è arrivato in studio, ha dimostrato di non credere a quanto raccontato dalla madre. Non lo ha detto apertamente ma alcune frasi da lui pronunciate suggerivano una certa incredulità di base. “Una donna malata non ride e scherza con le amiche, non se ne va in giro” ha detto il giovane, costringendo Maria De Filippi a difendere la donna: “Quando ci siamo conosciute non ho chiesto la diagnosi, ma non credo che una persona scherzerebbe mai su una cosa del genere”.

Michele e Debora chiudono la busta

Oltre a invitare il figlio Michele, Tonia ha voluto che la busta fosse consegnata anche alla fidanzata Debora. Aveva compreso che, se fosse riuscita a convincerla, Michele si sarebbe convinto a darle un’altra possibilità. Così non è andata. Debora ha raccontato di non avere mai instaurato un buon rapporto con la madre del suo fidanzato. L’ha accusata di essere bugiarda, di non avere mai voluto davvero instaurare un rapporto con lei, un fatto dimostrato dai frequenti incontri tra Tonia e la ex fidanzata di Michele, particolarmente sgraditi a Debora. I due giovani, di comune accordo, hanno deciso di chiudere la busta, sordi alle richieste di Tonia e della stessa De Filippi.