Michael, dopo C’è posta per te, appare ancora carico di rabbia. Il giovane ha deciso di non perdonare la madre Teresa, cui attribuisce la responsabilità di averlo abbandonato quando era solo un bambino. Il suo ultimo post su Instagram lo mostra indirizzare un dito medio allo specchio. Nella didascalia della foto scrive: “È solo grazie a me”. Quel mantra lo ha ripetuto più volte in puntata, quando ha rinfacciato alla madre di averlo lasciato crescere da solo, senza alcun riferimento femminile nella vita.

È solo grazie a me.💧

A post shared by Michael Statella🛸 (@pittbul_0) on

Teresa al Cairo per trovare lavoro

La storia di Teresa è singolare. Anni fa, dopo avere visto naufragare il suo matrimonio con il padre del figlio Michael, la donna si mette alla ricerca di un lavoro. Quel legame si era interrotto perché l’uomo non aveva voluto accettare in casa il primogenito di Teresa, nato da un precedente rapporto. Dopo la separazione, Teresa trova un impiego presso una caffetteria al Cairo e decide di partire. Non porta suo figlio con sé, ha intenzione di sistemarsi prima di chiedere a Michael di raggiungerlo. Da quel momento, anno dopo anno, i rapporti tra madre e figlio si raffreddano. Michael racconta di avere dovuto badare a sé stesso fin da giovanissimo. A soli 11 anni restava in casa da solo fino a sera tardi. Da solo doveva impiegare il tempo, studiare e prepararsi da mangiare. Alla madre ha attribuito la responsabilità di quegli anni difficili.

Michael ha chiuso la busta

Michael ha deciso di chiudere la busta alla madre Teresa. Quando la De Filippi lo invita a ripensarci, chiede tempo: “In futuro, magari, me lo auguro. Adesso no”. La padrona di casa ha tentato fino alla fine di spingerlo a tornare sui suoi passi, invitandolo a guardare dentro se stesso: “Capisco il tuo no, ma i tuoi occhi dicono altro”. Anche lei, però, si è dovuta arrendere di fronte alla rabbia repressa del giovane.