Matilde Brandi si è raccontata davanti alle telecamere del Grande Fratello Vip 2020. La showgirl ha ripercorso le tappe più belle ma anche quelle più dolorose della sua vita. L'amore per la danza, l'incontro con il suo compagno Marco Costantini, la nascita delle gemelline Sofia e Aurora, la morte dei suoi genitori. Non sono mancate le lacrime.

Gli alti e bassi con il compagno Marco Costantini

Matilde Brandi ha raccontato di aver conosciuto Marco Costantini in teatro. I due si sono innamorati subito e hanno deciso di diventare genitori: "Mi ha invitato a Formentera e decidiamo di avere un figlio. Rimango incinta di due gemelle". In lacrime, poi, ha proseguito nel suo racconto parlando di un rapporto tra alti e bassi:

"Siamo agli opposti io e Marco, non è facile costruire dei rapporti perfetti. Credo sia impossibile. Il rapporto un po' è sceso e un po' è salito. Mi sarebbe piaciuto che fosse stato sempre in salita. Siamo rimasti insieme per loro. I figli hanno bisogno di avere entrambi i genitori. Mi piacerebbe avere un po' più di attenzione".

Alfonso Signorini, allora, le ha chiesto a che punto sia ora la relazione con Marco Costantini. La showgirl ha replicato: "Sono entrata che la vetta era un po' lontana, ma eravamo a metà, Mi piacerebbe arrivare alla vetta, ma va be' ci provo".

Il ricordo dei genitori che non ci sono più

Matilde Brandi, poi, ha affidato al Grande Fratello Vip 2020 un tenerissimo ricordo dei suoi genitori. Li amava profondamente e la loro assenza è ancora una ferita aperta per lei: "Mia madre si è ammalata di Alzheimer, la dovevamo accudire. Non l'abbiamo mai messa in una casa di cura perché i genitori vanno accuditi fino alla fine. Mio padre Pietro si è ammalato e fino alla fine ci chiedeva di non pensare a lui ma di andare da Sofia e Aurora". Alfonso Signorini le ha fatto un'ultima domanda: "Cosa hai sacrificato per le tue due gemelle? A cosa hai rinunciato?" Matilde Brandi ha spiegato di aver limitato la sua carriera perché ha dato la priorità alla famiglia:

"Io ho amato tanto il mio lavoro perché la mia vita è danzare, ma non potevo lasciarle a casa da sole. Ho dovuto dire dei no, però era giusto che fosse così perché quando si mettono al mondo dei figli li devi seguire. Ringrazio comunque Dio per aver fatto tante cose belle".