L'ultima puntata di MasterChef è andata esattamente come "Striscia la Notizia" aveva previsto. Ad aggiudicarsi la vittoria è stato Stefano, seguito da Nicolò. In terza posizione, invece, si è classificata Amelia. In questa vicenda, tutti hanno detto la loro. Nelle ultime ore, sono giunte anche le dichiarazioni del vincitore della quarta edizione del talent culinario. Stefano Callegaro ha spiegato all'Ansa che la parola "indignato" non basta ad esprimere il suo stato d'animo. Lo chef ha aggiunto:

"Indignato? È qualcosa che va oltre, io ho trovato tutto ciò un'enorme mancanza di rispetto nei confronti dei telespettatori".

Quindi ha ribadito:

"Questa è stata davvero una mancanza di rispetto verso chi voleva godersi in santa pace anche le ultime fasi della sfida".

Si è allineato, dunque, con la posizione di Carlo Cracco e di Sky che sta valutando se intraprendere delle azioni legali nei confronti del tg satirico.

 

La polemica su Nicolò

La trasmissione Striscia la Notizia, però, non si è limitata ad annunciare in anticipo la vittoria di Stefano, ma ha anche attaccato Nicolò. Secondo il tg, infatti, il ragazzo avrebbe lavorato per un anno nell'importante ristorante milanese Sadler e dunque non avrebbe dovuto accedere a MasterChef. Nicolò, però, si è difeso sostenendo di non sapere nemmeno che Sadler avesse un ristorante a Milano.

"Posso confermarlo, basta che vi informiate, sono stato bocciato un anno al liceo e più precisamente in quinta liceo e mi sono iscritto ad Agraria. Non avrei avuto il tempo materiale per fare uno stage o poter essere assunto da Sadler, tra parentesi magari, ma non avrei potuto avere il tempo necessario anche perché in Italia sarebbe vietato il lavoro ai minori. Sinceramente, ve lo dico proprio dal mio cuore, Sadler non sapevo nemmeno che avesse un ristorante a Milano".

E lo stesso ha fatto il diretto interessato, Claudio Sadler, che ha ribadito che Nicolò non ha mai lavorato nel suo ristorante.