Anche l'attrice Maria Grazia Cucinotta ha preso le difese di Amadeus in merito alle polemiche che hanno travolto il direttore artistico del Festival di Sanremo 2020. Al centro delle critiche contro il conduttore, l'ormai famigerata frase pronunciata su Francesca Sofia Novello, al suo fianco per due serate all'Ariston, che ha lodato per la sua capacità di "stare al fianco di un grande uomo – il fidanzato Valentino Rossi – restando un passo indietro". Ad Askanews, la Cucinotta ha spiegato il suo punto di vista, parlando anche della sua esperienza di star che nella quotidianità casalinga conduce una vita il più normale possibile.

A Sanremo si polemizza su tutto. Io trovo che Amadeus sia un professionista pazzesco. È vero, noi facciamo un lavoro dove stiamo quasi sempre un passo indietro, è una questione di rispetto verso la persona per evitare di diventare entrambi ingombranti. Io dico sempre che a casa mia sto un passo indietro per evitare di schiacciare tutti con la mia presenza. A casa sono la moglie di Giulio Violati e la mamma ‘pizza' di Giulia (mi chiamano così perché faccio sempre la pizza nei weekend). Ma questo non mi fa sentire assolutamente meno donna o meno importante. Amadeus, con cui ho avuto il piacere di lavorare, è una persona talmente educata e carina, che ritrovarsi in tutte queste polemiche è superfluo.

Maria Grazia Cucinotta andrebbe a Sanremo

La Cucinotta è sposata con Giulio Violati dal 1995, e da lui ha avuto la figlia Giulia nel 2001. Sempre lontana dal gossip, ha scelto di conciliare la sua carriera con la vita privata, senza sacrificare gli affetti. In caso di invito a Sanremo da parte di Amadeus, Cucinotta non ci penserebbe due volte ad accettare: "Assolutamente sì. Amadeus è una persona che stimo e Sanremo è una istituzione meravigliosa, staremo tutti davanti alla tv a guardarlo".

Chi difende Amadeus e chi lo attacca

La vicenda delle frasi di Amadeus sta dividendo il mondo dello spettacolo. La prima a difenderlo è stata proprio Francesca Sofia Novello, che ha cercato (inutilmente) di smorzare le polemiche. Anche Antonella Clerici, altro volto che vedremo a Sanremo, ha espresso sostegno per il conduttore. Michelle Hunziker ha invece criticato le sue parole, che hanno anche scatenato una reazione in Parlamento: una lettera firmata da 29 deputate ha espresso condanna per quelle frasi e per la partecipazione di Junior Cally, autore di una canzone dal testo ritenuto sessista.