122 CONDIVISIONI
Festival di Sanremo 2019
6 Febbraio 2019
17:21

Maria De Filippi: “Non rifarò Sanremo. Vi svelo perché sono andata in Rai”

Da giorni si parla di un incontro segreto tra la regina di Canale 5 e la direttrice di Rai1 Teresa De Santis in viale Mazzini, tanto che si è mormorato di un ritorno della De Filippi come conduttrice al Festival di Sanremo. La conduttrice fa chiarezza, svelando qual è stato il vero motivo del colloquio.
A cura di Valeria Morini
122 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo 2019

Nei giorni scorsi si è diffusa la clamorosa indiscrezione su un avvistamento di Maria De Filippi negli studi Rai. In molti hanno ipotizzato che la "Queen" di Canale 5 fosse in Viale Mazzini per un possibile ritorno al Festival di Sanremo da ospite, o addirittura da conduttrice per l'edizione 2020 al posto di Claudio Baglioni. Niente di tutto ciò, a quanto si legge su Oggi, che ha sentito direttamente la De Filippi. La conduttrice, alla domanda sull'ipotesi di presentare di nuovo il Festival, sembra escludere questa eventualità: "No, credo proprio di no". Del resto, già in passato aveva archiviato la sua esperienza all'Ariston nel 2017 con Carlo Conti come un unicum nella sua carriera.

Nulla da nascondere sull'incontro con Teresa De Santis

Dunque, per quale motivo la De Filippi si trovava in Rai e cosa c'è dietro l'incontro con la direttrice di Rai1 Teresa De Santis? A quanto pare, non ci sarebbe nessun progetto televisivo di mezzo. Non vedremo la regina di Canale 5 nell'azienda pubblica (risulta scartata anche l'ipotesi di un'intervista a Domenica In), dal momento che il colloquio sarebbe stato incentrato su tutt'altro argomento:

Premetto che non ritenevo opportuno che ci incontrassimo in un luogo non istituzionale, magari in un bar defilato come due carbonare, perché non avevamo nessun misterioso piano da elaborare. Era giusto che ci vedessimo in pieno giorno e nel suo studio. È stato un incontro cordiale, eravamo solo io e lei. Abbiamo preso un caffè e abbiamo discusso di un progetto di sensibilizzazione sociale che riguarda la lotta alla violenza sulle donne. Né più e né meno. Non abbiamo minimamente sfiorato argomenti che riguardavano la televisione e i nostri rispettivi lavori. Per questa ragione ho trovato normale incontrarla a viale Mazzini: non avevamo nulla da nascondere e nessun segreto da custodire.

Maria De Filippi commenta i flop di Isola e Adrian

Su Oggi, Maria De Filippi ha inoltre commentato gli ascolti insoddisfacenti di due programmi su cui Canale 5 coltivava alte aspettative. Uno è L'Isola dei Famosi 2019, partita maluccio con 3 milioni di spettatori nella prima puntata e proseguita un calo piuttosto pesante nelle due serate successive. Solidale con la collega Alessia Marcuzzi, la conduttrice si dice fiduciosa su un miglioramento dei dati Auditel, a patto che qualcosa cambi: "C’è bisogno che il programma ritrovi lo suo spirito originario. La sfida con la natura e la lotta alla sopravvivenza tout court. Meno fronzoli, più emozioni e più avventura". L'altro è Adrian: la De Filippi guarda dal lato positivo anche il flop della serie animata di Celentano.

Se fossi stata in Pier Silvio Berlusconi avrei fatto la stessa scelta. Senza ombra di dubbio avrei detto sì ad Adriano e al suo cartone animato. Avere Celentano è un evento eccezionale, imperdibile… Anche io, come il mio editore, avrei preferito rinunciare a qualche punto di share pur di portare Celentano sulla nostra rete ammiraglia. E poi, mi creda, è già un miracolo che un prodotto come Adrian a cui il pubblico è totalmente disabituato, faccia i numeri che sta facendo.

122 CONDIVISIONI
526 contenuti su questa storia
I tatuaggi di Francesco Sarcina
I tatuaggi di Francesco Sarcina
8.974 di Stile e trend
Lorella Cuccarini: “Mahmood vincitore di Sanremo 2019? Più spazio al televoto del pubblico
Lorella Cuccarini: “Mahmood vincitore di Sanremo 2019? Più spazio al televoto del pubblico"
Claudio Bisio:
Claudio Bisio: "Sanremo? Mai più perché in Rai c'è un clima pesante"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni