"Questa è l’ultima edizione, lo giuro a mio marito". Così Mara Venier lo scorso ottobre dava il via all'edizione di Domenica In che prometteva essere l'ultima della sua carriera. Un anno impegnativo, segnato dalla pandemia, con tutte le preoccupazioni, le difficoltà del caso e uno studio costantemente vuoto, come ha lamentato la stessa padrona di casa. Mara Venier avrebbe voluto prendersi del tempo da dedicare alla famiglia e al suo amatissimo marito Nicola Carraro, che già fantasticava sull'era "dopo Mara" e suoi nomi di coloro che avrebbero potuto prendere il suo posto: "Mara è insostituibile".

Mara Venier resta ancora alla guida di Domenica In

A due mesi dalla fine di questa tormentata edizione dello show della domenica di Rai 1, Mara Venier ritratta e in una lunga intervista al Messaggero spiega di non essere più convinta di voler lasciare il suo programma in mano ad altri, almeno per ora: "Quando l'ho detto ero convinta, lo pensavo davvero. Quel programma sono 40 puntate, un anno della tua vita. Poi però ci rifletto e penso che potrei dire di no a tutto, anche a Sanremo, ma non a Domenica in", spiega. "Sono già la zia Mara: se non mi cacciano, diventerò nonna Mara".

Le parole del direttore di Rai Uno

D'altronde non c'era alcuna ufficialità sulla notizia del suo addio al programma, tanto che lo scorso dicembre Stefano Coletta si era espresso sul futuro di Domenica In. Intervistato dal Corriere della Sera, sul possibile addio di Mara Venier, Stefano Coletta aveva smentito l'ipotesi spiegando che non ci fosse nulla di certo: "Non mi risulta. È impensabile fare a meno di un volto così popolare che sa usare bene tutti i registri che la tv deve veicolare. Sa essere profonda e leggera, fa commuovere riflettere e divertire. Anzi mi piacerebbe pensare Mara anche in altri progetti".