Il ritorno di Giampiero Galeazzi a Domenica In è stato un momento di Tv nostalgico e oggettivamente commovente per i telespettatori che hanno assistito all'abbraccio in lacrime tra la conduttrice e lo storico conduttore Rai. Molti telespettatori, più di 3 milioni, davanti al piccolo schermo per l'intervista al giornalista sportivo, che ha voluto spiegare al pubblico le cause dei suoi problemi di salute, smentendo di fatto i presentimenti sul morbo di Parkinson scaturiti dalla sua precedente partecipazione al programma di Rai1, prima di Natale, quando aveva utilizzato per precauzione una sedia a rotelle.

A colpire è stato, in particolare, il momento del saluto finale tra la conduttrice e la sua ex spalla ai tempi della Domenica In anni Novanta. Un saluto che ha commosso entrambi, incapaci di nascondere il cedimento emotivo. Un momento suggellato da Mara Venier con un commento giunto nelle scorse ore:

"Giampiero è un amico di sempre. Ringrazio il pubblico che tramite i social mi ha riempito di calore. Mi sono emozionata molto perché Giampiero è nel mio cuore, ci legano emozioni forti di una vita. Questa sono io sono felice che arrivino a casa emozioni vere, questa è la mia e nostra Domenica In".

Questa è la nostra vita Bisteccone mio….❤️ti voglio bene ❤️

A post shared by Mara Venier (@mara_venier) on

Le condizioni di salute di Giampiero Galeazzi

Lo storico giornalista sportivo Rai, tra un filmato celebrativo e l'altro mandato in onda dall'amica Mara Venier, ha voluto fugare ogni dubbio sulle sue condizioni di salute, riferendosi alla precedente partecipazione a Domenica In: "Ho sbagliato a presentarmi in quel modo. La verità è che sono reduce da un’operazione al ginocchio sinistro, mi muovo con le stampelle. Lo studio era pieno di cavi e per non rischiare, un assistente ha pensato bene di mettermi su una carrozzina. Il Parkinson? Non ce l'ho. Ho problemi di diabete. La salute va su e giù, come sulle montagne russe. Ho sbalzi di pressione, gonfiore alle gambe. Quando mi emoziono, mi tremano le mani, ma non sono messo così male. A 72 anni ho anche perso un po’ di chili".