Come complicarsi la vita… in diretta. Sarebbe una frase appropriata se volessimo trovare un titolo efficace per definire il momento storico attraversato dal rotocalco pomeridiano storico di Rai1. Il programma condotto da Francesca Fialdini e Tiberio Timperi sta soffrendo, è inutile girarci intorno. Gli ascolti della trasmissione non sono mai decollati e adesso alla muscolare concorrenza di Pomeriggio 5 si è aggiunta anche la rivalità interna di un altro evergreen del servizio pubblico, quel "Geo" inaugurato nel 1984 da Folco Quilici e condotto da diversi anni da Sveva Sagramola.

Gli ascolti de La Vita in Diretta

I numeri parlano chiaro e nelle ultime settimane è sempre più frequente che il testa a testa negli ascolti tra le due trasmissioni finisca per premiare il contenitore di Rai3. I due programmi non coprono una fascia oraria del tutto identica, ma per la maggior parte della loro durata sono in onda in contemporanea e la trasmissione condotta dalla Sagramola tiene spesso testa a La Vita in Diretta in termini di media di telespettatori. Resta eclatante il risultato di mercoledì 9 gennaio, con La Vita in Diretta che ha registrato 1.488.000 spettatori (12.3% di share) nella prima parte e 1.769.000 (13.2%) nella seconda, mentre Geo oltre il muro dei 2 milioni di spettatori, con il 14.7% di share.

Un problema di percezione

Sono dati nuovi? No, come la stessa Sagramola aveva sottolineato in una dichiarazione rilasciata al Fatto Quotidiano alcune settimane fa: "Non è stato proprio un sorpasso storico come ho letto: ci sono dei momenti nel pomeriggio in cui Geo diventa prima rete nazionale, sopra Rai 1 e Canale 5, ma succede da anni, non è successo magicamente due giorni fa". La novità risiede nel cosiddetto percepito, perché se c'è un programma televisivo con gli occhi puntati addosso sin dal debutto di stagione, questo è La Vita in Diretta. Non tanto per l'attesa di novità, essendo quella del rotocalco in onda da inizio anni 2000 una struttura ampiamente consolidata, quanto più che altro per la considerazione della coppia che pare si stia sviluppando presso il pubblico.

L'addio di Marco Liorni a La Vita in Diretta

L'arrivo di Tiberio Timperi al fianco di Francesca Fialdini aveva generato un certo disappunto iniziale, più che altro per la sostituzione di Marco Liorni alla guida della trasmissione. A questo gap iniziale si sono sommati i vari momenti di imbarazzo venutisi a creare tra Fialdini e Timperi, complici nell'acuire questa sensazione negativa verso il contenitore pomeridiano di Rai1. Il risultato è un programma vulnerabile, costantemente esposto a critiche e orfano di supporto e protezione del pubblico, elementi salvifici per questo genere di prodotti televisivi in onda quotidianamente.

Arriva Casimiro Lieto?

È su questo quadro precario che trova basi fertili per un innesto il retroscena a sfondo politico di questi giorni, che vedrebbe la Rai già pronta a correre ai ripari. Le voci che circolano, con sempre maggiore insistenza, parlano di un passaggio prossimo a capostruttura del programma di Casimiro Lieto. Il suo nome si circola in realtà da mesi ed è emerso soprattutto prima che venissero nominati i nuovi direttori di reti, visto che Lieto, fedelissimo di Elisa Isoardi, sarebbe stato il nome di Salvini per la direzione di Rai1, poi saltato. Il suo passaggio a La Vita in Diretta sarebbe il primo passo per un programma da rifondare. E si inizierebbe proprio dai volti alla conduzione, quindi ecco spuntare il nome di Elisa Isoardi, prossima potenziale candidata alla conduzione de La Vita in Diretta al posto di Francesca Fialdini. Difficile dire se si tratti di semplice FantaTv, oppure se vi sia un fondo di verità. Una cosa è certa: che i numeri non parlano in favore della Vita in Diretta e la cosa espone il programma a seri rischi.