"Realiti" non è più disponibile sulla piattaforma di RaiPlay. Non ci ha messo tempo a farsi sentire Viale Mazzini e, dopo aver diffuso una nota stigmatizzando il fatto di aver permesso a due cantanti neomelodici catanesi di offendere la memoria di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, adesso la puntata è stata come cancellata.

Le parole di Nico Pandetta

"A questi qui ci doveva piacere sia il dolce sia l'amaro per il lavoro che fanno". Dove con "a questi qui", il neomelodico Nico Pandetta si riferiva ai giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Sono queste le parole che hanno destato scalpore e che hanno scosso il mondo politico, a cominciare dall'assessore Francesco Borrelli presente in trasmissione: "Uno che inneggia alla mafia, che è stato in galera, è un delinquente. Se la prende contro i pentiti infami: anche se ha già pagato, continua a fare del male perché è un esempio pessimo. Si esalta per lo schifo che rappresenta". Nico Pandetta ha poi replicato a mezzo social mostrando una pistola d'oro in una diretta su Facebook. "L'intimidazione non mi fa paura" – ha poi commentato Borrelli – "Abbiamo segnalato il video alla Procura della Repubblica". 

La nota della Rai

La Rai era già intervenuta attraverso una nota in cui condannava quanto visto in trasmissione: "La Rai ritiene indegne le parole su Giovanni Falcone e Paolo Borsellino pronunciate da due ospiti della puntata di Realiti, andata in onda su Rai2 in diretta. Direttore di Rete, conduttore, autori sono stati ampiamente sensibilizzati sulla necessità di porre la massima attenzione sulla scelta degli ospiti, delle tematiche e sulla modalità di trattazione di argomenti “sensibili”; in coerenza con quanto ogni giorno la Rai testimonia attraverso programmi, eventi speciali e fiction dedicati alla sensibilizzazione della collettività contro la criminalità organizzata e a sostegno della memoria dei tanti martiri delle mafie. L’Azienda ha avviato un’istruttoria per ricostruire tutti i passaggi della vicenda".