13.813 CONDIVISIONI
Fedez denuncia la Rai di censura
3 Maggio 2021
11:49

La fidanzata di Franco Di Mare, direttore di Rai3: “Fedez è disgustoso, gli serve pubblicità”

Giulia Berdini, fidanzata del direttore di Rai3 Franco Di Mare, attacca Fedez dopo l’esibizione sul palco del Primo Maggio dal quale aveva denunciato il tentativo di censura subito, addossandone le responsabilità alla Rai. “Fedez è disgustoso, è l’ipocrisia del politicamente corretto”, aveva scritto la donna. Poche ore dopo, superato un ban ricevuto dalla piattaforma , ha chiarito: “Condivido ogni sua parola. Le modalità e il contesto erano fuori luogo”.
A cura di Stefania Rocco
13.813 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Fedez denuncia la Rai di censura

Il caso scatenato da Fedez in Rai dopo l’esibizione sul palco del Concertone del Primo Maggio continua a provocare proteste.  Intervenire nel merito della questione è stata, tra gli altri, Giulia Berdini, fidanzata del direttore di Rai3 Franco Di Mare. In una Instagram story, la donna ha definito Fedez una “nullità del mainstream” invitandolo quindi a condividere l’intera telefonata con la Rai – telefonata diffusa nelle ultime ore nella sua versione integrale – senza tagli:

Fedez è disgustoso. È l’ipocrisia del politicamente corretto, la classica nullità del mainstream che, grazie a qualche paracelo occulto, sta facendo i milioni sparando min***te funzionali al sistema. È un finto rivoluzionario, innocuo come un omogeneizzato Plasmon, manda messaggi che sembrano elaborati da Detto Laqualunque durante un comizio in un centro sociale. Un tizio così ha bisogno di pubblicità e visibilità. Per avere queste due ha bisogno di un nemico. Per neutralizzarlo basta poco, basta ignorarlo. Contenuti esatti, ma ovviamente totalmente fuori luogo. Aggiungerei: caro Fedez, la chiamata con la Rai perché non la fai ascoltare integrale, senza tagliarla a tuo comodo e piacimento? Vergognoso. Fedez, non capisci nulla.

Giulia Berdini bannata da Instagram dopo il post su Fedez

Parole forti quelle della donna, che acquistano un impatto ancora maggiore perché Giulia non è una spettatrice o un'addetta ai lavori, ma la compagna di del direttore di Rai3, la rete che ha ospitato il concerto del Primo Maggio e che Fedez ha apertamente accusato di avere tentato di censurarlo. Una vicenda ingombrante, come ha avuto modo di sperimentare la Berdini che ha denunciato il ban subito dal suo profilo Instagram (velocemente risolto), probabilmente a causa delle segnalazioni di massa arrivate da parte di chi ha sposato, invece, causa, modi e intenzioni di Fedez.

Poi chiarisce: “Condivido le parole di Fedez, non le modalità”

A distanza di poche ore da quel primo intervento, Giulia è tornata su Instagram per provare a fare chiarezza, riarticolando la sonora bocciatura precedente in una forma diversa: “Ribadisco per chi ha bisogno di consapevolezze: io condivido ogni parola pronunciata da Fedez. La modalità e il contesto erano totalmente errati. Ma soprattutto perché omettere la verità e pubblicare una telefonata a metà? Bannatemi di nuovo”. E in un video della durata di qualche secondo pubblicato qualche istante dopo, ha aggiunto: “Ma io posso essere contro la legge Zan? Quando scrivo, leggete o il cervello lo utilizzate per dividere le orecchie?”.

13.813 CONDIVISIONI
21 contenuti su questa storia
Fedez risponde alla querela della Rai: "Vi siete parati il cu*o, è vigliaccheria di Stato"
Fedez risponde alla querela della Rai: "Vi siete parati il cu*o, è vigliaccheria di Stato"
Fedez risponde alla querela della Rai: "Rifarei tutto"
Fedez risponde alla querela della Rai: "Rifarei tutto"
Il direttore di Rai3 valuta querela, Fedez: “Sono un privilegiato, posso fare a meno della Rai”
Il direttore di Rai3 valuta querela, Fedez: “Sono un privilegiato, posso fare a meno della Rai”
È morto Willie Garson, aveva 57 anni: la star di Sex and the City lottava contro un cancro
È morto Willie Garson, aveva 57 anni: la star di Sex and the City lottava contro un cancro
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni