3.278 CONDIVISIONI
2 Maggio 2021
22:52

La telefonata integrale tra Fedez e la Rai, c’è anche Lillo al telefono

È stata diffusa la telefonata integrale con Fedez ma dal punto di vista della Rai. C’è anche Lillo che prova a calmare il cantante: “Io sto con te, ma devi parlare con chi di dovere”. L’uomo che ha parlato di “sistema” è Massimo Cinque, storico autore del servizio pubblico: “Non puoi fare quei nomi perché non c’è contraddittorio”.
3.278 CONDIVISIONI

Tra Fedez e la Rai non è ancora finita. Dopo la telefonata pubblicata dal cantante, il terzo atto è la telefonata integrale dal punto di vista della Rai. Una telefonata della durata di quasi dodici minuti in cui il primo a parlare è Lillo, come amico di Fedez, che prova a calmare la situazione e passa poi il telefono ai responsabili: dal capo-progetto Massimo Cinque, storico autore della Rai, all'organizzatore Massimo Bonelli fino alla vicedirettrice di Rai3 Ilaria Capitani.

Le parole di Lillo e Massimo Bonelli

Lillo parla con Fedez "per un saluto" spiegando che "chi di dovere" vuole parlare con l'artista: "Fede io sto difendendo questa cosa, io sto con te. Ma né io, né Ambra e né Stefano possiamo dare il via a questa cosa. Noi non c'entriamo niente. Fede sto parlando con te per un saluto praticamente, ma ti passerò chi di dovere. Credimi, io sono d'accordo con tutto quello che dici e adesso ti passo le persone che hanno sollevato dei problemi e di cui si può discutere". Massimo Bonelli: "Noi chiediamo a tutti se ci sono testi espressi ma solo per prassi. Ci sono delle posizioni di Cgil, Cisl e Uil…". Fedez irrompe: "Ma io non esprimo le posizioni di Cgil, Cisl e Uil, io esprimo le mie considerazioni di artista e se non siete d'accordo mi chiamate". 

Le parole di Massimo Cinque

È Massimo Cinque a parlare di "sistema". Si rivolge a Fedez dandogli del tu, ma quando il cantante alza la voce, l'autore televisivo passa alla forma di cortesia:

Il servizio pubblico è il servizio pubblico. Tu puoi dire tutto quello che vuoi ma a questo punto dovresti avere le persone che citi nel tuo discorso che a questo punto dovrebbero difendersi. Non c'è bisogno di alterarsi. Le sto chiedendo di adeguarsi a un sistema che probabilmente a lei non lo riconosce ma è quello corretto. Lei ha tutte le sue ragioni ma permetta agli altri di esprimersi. Tutte le citazioni che lei fa con nomi e cognomi non possono essere citate perché non c'è una controparte. A prescindere dalle affermazioni vere o meno, quelle citazioni possono essere dette in contesti che non sono quelli che lei sta riferendo. […] Un contesto diverso da una tribuna politica non è corretto.

L'intervento di Ilaria Capitani

La vicedirettrice Ilaria Capitani spiega: "La Rai non ha alcuna censura da fare. La Rai fa un acquisto di diritti di ripresa e la Rai non è responsabile né della sua presenza né di quello che lei dirà. Io ritengo inopportuno il contesto". Riprende la telefonata l'organizzatore Massimo Bonelli: "È un problema di opportunità perché la Rai acquista un prodotto editoriale preciso. Siamo in difficoltà". Alla fine della telefonata non è chiaro chi ha chiesto ufficialmente a Fedez di cambiare il testo, se la Rai o l'organizzazione per conto dei sindacati.

3.278 CONDIVISIONI
Fedez, la telefonata con la Rai: "Perché non posso dire che un leghista brucerebbe un figlio gay?"
Fedez, la telefonata con la Rai: "Perché non posso dire che un leghista brucerebbe un figlio gay?"
20.615 di Videonews
Fedez contro la Rai, Lillo: "Intervento legittimo, ma nessuno ha parlato di censura"
Fedez contro la Rai, Lillo: "Intervento legittimo, ma nessuno ha parlato di censura"
Rai replica a Fedez: “Telefonata tagliata, diverso l’intervento integrale di Ilaria Capitani”
Rai replica a Fedez: “Telefonata tagliata, diverso l’intervento integrale di Ilaria Capitani”
"Gigi D'Alessio papà per la quinta volta", Denise Esposito aspetta un figlio dal cantante
"Gigi D'Alessio papà per la quinta volta", Denise Esposito aspetta un figlio dal cantante
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni