Ha destato non poca apprensione tra gli appassionati di Game of Thrones la notizia del ricovero in una clinica di rehab di Kit Harington. Nella mente dei fan della serie è ancora impresso il video che ritrae l'attore in lacrime dopo aver scoperto, leggendo il copione, che il personaggio di Jon Snow avrebbe ucciso Daenerys Targaryen. E che l'attore vivesse con grande apprensione la fine del suo percorso nell'amatissima serie televisiva era cosa alquanto risaputa. Secondo quanto riportato da Page Six alcuni giorni fa, diverse settimane prima che andasse in onda il gran finale de ‘Il trono di spade', Harington aveva già deciso di affidarsi a una clinica per risolvere i suoi problemi con l'alcol e con la gestione dello stress.

In queste ore circola inoltre la dichiarazione di una fonte vicina a People, che offre una spiegazione più articolata del problema che ha spinto Harington a questa scelta. E la cosa avrebbe a che fare totalmente con Il Tropo di Spade e il ruolo pesante di Jon Snow, che si è dimostrato un impegno gravoso per un attore appena uscito dalle scuole di recitazione:

"Per 10 anni Kit è stato praticamente associato a Jon Snow, ed è stato invaso da questo intenso personaggio. Il ruolo e il livello di fama che ha raggiunto è stato difficile da gestire per una persona così giovane, appena uscito da una scuola di recitazione. Ha preso il lavoro molto sul serio, ma è stato estremamente stressante. Ora che ha detto addio a Jon Snow, ha avuto bisogno di aiuto per ridiventare se stesso, semplicemente Kit."

La struttura in cui Kit Harington affronta questo percorso è situata in Connecticut, avrebbe un costo di 120 mila dollari al mese. L'attore si sarebbe sottoposto a "coaching psicologico, meditazione e terapia cognitivo comportamentale" per porre rimedio a questo momento di fragilità.