La Rai torna sui suoi passi, Il Paradiso delle Signore è salvo. A settimane di distanza dall'annuncio della chiusura della soap quotidiana in onda su Rai1, frutto di una decisione dei piani alti di viale Mazzini, le proteste di molti telespettatori, unite alla sensazione che la scelta dell'azienda fosse arrivata in un momento in cui il prodotto iniziava a mostrare segni di solidità, hanno avuto il loro effetto. La Rai ha confermato tramite Ansa quanto Fanpage.it aveva già potuto anticipare nelle scorse ore: "La soap continuerà la sua avventura nel pomeriggio di Rai1. Dopo una lunga trattativa tra la Rai e la casa di produzione (Aurora Tv), la fiction è stata riconfermata". Così recita l'agenzia, che prosegue sottolineando come la produzione riprenderà nelle prossime settimane con un importante intervento di razionalizzazione e ottimizzazione dei costi:

La Rai ha deciso di investire ancora nel prodotto del pomeriggio di Rai1: dopo una lunga verifica e una valutazione complessiva, l'azienda ha portato a casa Il paradiso delle signore con una sostanziosa riduzione di costi che sfiora il 40% (contratto biennale, riduzione delle puntate – lo scorso anno partì il 1 settembre – ottimizzazione e razionalizzazione del costo complessivo di produzione, riduzione delle riprese in esterna, partecipazione di Rai Com alla coproduzione con una quota del 10%).

La scelta di chiudere "Il Paradiso delle Signore", d'altronde, pare avesse prodotto nei corridoi di Viale Mazzini malumori provenienti da più parti. In un'intervista rilasciata a Fanpage.it alcuni giorni fa, il produttore di Aurora Tv Giannandrea Pecorelli aveva confermato il grande dispiacere degli attori e della stessa casa di produzione per una scelta che appariva inspiegabile. Nelle scorse ore una nostra fonte ci aveva parlato di segnali di apertura in Rai, rispetto alla proposta della produzione di tornare sul set ad agosto e avere almeno 20 episodi pronti, per poi andare in onda a partire dal 14 ottobre.