Il vischio che il Grande Fratello ha scelto di mettere nella casa sta avendo risvolti inattesi e dopo un iniziale imbarazzo dei concorrenti sta cominciando a fare i suoi effetti e portare un po' di vivacità e qualche bacio in più tra gli inquilini. Il Grande Fratello, infatti, ha costretto i ragazzi a una prova, a un bacio hollywoodiano di almeno 10 secondo sotto al vischio ogni volta che suona una sirena: "Nella Casa è apparso un tipico vischio natalizio cosa si fa sotto il vischio?Ovviamente ci si bacia. Mettete in pratica il vostro talento attoriale e regalate al pubblico dei memorabili baci holliwoodiani. Come sempre il GF terrà conto dell’impegno di ognuno di voi e se lo meriterete potrebbe farvi una sorpresa speciale!".

I baci sotto al vischio

Insomma, è il momento dei baci e questa prova ha già portato a qualche sorpresa, come quello appassionato tra Giulia Salemi e Pierpaolo Pretelli che dopo giorni di effusioni e coccole si sono finalmente scambiati quel bacio tanto atteso dal pubblico della trasmissione Mediaset. Nella notte tra il 26 e il 27, però, uno scherzo potrebbe trasformarsi in qualcosa di più. Tutto è nato da uno scherzo di uno dei gruppetti – con la volontà di Dayane Mello – che ha cercato di portare Zenga sotto al vischio per baciarla. Nei giorni scorsi si era creato un trend sulla coppia, con Zenga che aveva parlato di Mello come un po' troppo matura per lui.

Il bacio appassionato tra Andrea e Dayane

Pretelli, quindi, ha finto il suono della sirena e i ragazzi sono fuggiti sotto al vischio chiamando ad alta voce proprio Zenga che si è ritrovato attorniato dai suoi coinquilini a dare un bacio a Dayane. Un bacio fugace che ha convinto poco gli altri della casa. E così, una seconda finta sirena ha riportato i due sotto al vischio, ma questa volta qualcosa è cambiato e il bacio, prima dato a stampo, si è fatto più appassionato e lungo. Insomma, la prova nella casa sta aprendo porte inaspettate. Dopo il bacio Dayane è fuggita in camera, mentre Zorzi ha finto uno svenimento causato dal dolo re causatogli da questo gesto d'affetto.