Heather Parisi ha raccontato di essere stata picchiata per 7 anni da un ex compagno del quale ha preferito non fare il nome. Ospite di Barbara d’Urso a “Live – Non è la D’Urso”, la ballerina ha voluto aprire una breccia sulla parte più dolorosa del suo passato. Un uomo che per anni è stato il suo compagno le avrebbe usato violenza fisica e psicologica:

Ho deciso di raccontare quanto mi è accaduto per dare forza alle donne che subiscono violenza in casa. Io l’ho vissuta ma sono riuscita a salvarmi. Non sono orgogliosa di questo argomento e non voglio passare come un personaggio che intende sfruttare questa storia. Non darò date o luoghi e non parlerò mai di lui. In quella condizione ti senti sola, ti vergogni, la rabbia è fortissima. So che le donne a casa possono capire e voglio dare loro coraggio: alzatevi e andate via di casa. Questo non deve essere un argomento tabù.

Chi sapeva e ha taciuto: il racconto di Heather Parisi

Heather prosegue raccontando che qualcuno all’epoca sapeva quanto le accadeva. Quelle stesse persone l’avrebbero lasciata sola, obbligandola a risolvere quel problema terribile senza nessun supporto. Una storia terribile che la ballerina e showgirl racconta solo oggi, a distanza di anni da quei momenti di buio:

Ho cercato di parlarne timidamente anni fa. Qualcuno lo sapeva ma davanti a terzi giravano la faccia dall’altra parte, è più comodo. Sono diventata piccola e complessata. Mi sentivo un pugile con le mani legate. Sono stata picchiata per 7 anni, presa a calci, sberle e pugni. La violenza fisica di qualsiasi tipo guarisce, è quanto resta dentro che è pericoloso. Venivo minacciata. Mi diceva che ero straniera, che non mi avrebbero creduto. Mi chiamava gallina americana.

Quando Heather Parisi si è ribellata

Dopo anni di violenze e soprusi, Heather ha deciso di ribellarsi. Ha scelto di dire basta a quella vita, di archiviare quella relazione malata a qualsiasi costo, anche se questo avesse significato restare senza lavoro e senza soldi: “Ho vissuto l’inferno e adesso mi sento forte. Da in giorno all’altro ho preso la borsa e sono andata via di casa. Non mi interessavano i soldi e la televisione. Mi diceva che non avrei più lavorato ma mi andava bene così. Sono stata violentata psicologicamente e fisicamente. È una vergogna che tutto questo accada ancora”.