"Amici e conoscenti, voglio tranquillizzare tutti. Sto bene e sono in buone mani". Giorgio Tirabassi, attraverso il suo profilo Facebook ufficiale, parla per la prima volta dopo l'infarto che lo ha colpito nella serata del 1 novembre 2019. L'attore era a Civitella Alfedena, paesino dell'Abruzzo, per presentare "Il grande salto", sua ultima prova da regista e attore.

Giorgio Tirabassi è stato operato

Giorgio Tirabassi è stato sottoposto nella notte, si legge su Il Messaggero, a un intervento di angioplastica con stent per risolvere il problema di occlusione a una coronaria. È ricoverato presso l'Unità di Terapia Intensiva Cardiologica dell'ospedale di Avezzano, sotto lo stretto controllo dei medici. Dopo una serie di indiscrezioni, finalmente lo stesso attore tranquillizza tutti sul suo stato di salute.

L'infarto che ha colpito Giorgio Tirabassi

Il 59enne romano era arrivato in Abruzzo per presentare il suo nuovo film, "Il Grande Salto", nel comune di Civitella Alfedena dove era giunto intorno alle 19. Alle 19.45, l'attore accusa il malore. Portato immediatamente in ospedale, dopo essere stato soccorso da alcuni medici in sala, le sue condizioni sarebbero da subito apparse molto gravi. I medici del 118, sopraggiunti dalla vicina Castel di Sangro, hanno trasportato Tirabassi presso l'ospedale di Avezzano. Nella notte, l'intervento d'urgenza.

La carriera di Giorgio Tirabassi

"Il grande salto", il suo ultimo film che lo vede nel ruolo di regista, attore e sceneggiatore, ha nel cast anche Ricky Memphis, Marco Giallini e Valerio Mastandrea. L'attore è noto al grande pubblico per aver interpretato numerose fiction italiane dal grande successo, da "Distretto di Polizia" allo spin-off "Squadra Mobile" e "Paolo Borsellino", nella fiction di Canale 5 del 2004. È stato il protagonista di grandi serie tv cult come "Boris" e "La linea verticale".