522 CONDIVISIONI
Grande Fratello Vip 2021/2022
1 Ottobre 2021
17:11

GFVip, le sorelle Selassié convocate per “importanti questioni familiari”

Come giustificheranno le sorelle Selassié la verità sulle loro origini? A poche ore dalla puntata Jessica, Clarissa e Lulù sono state convocate dal GFVip per ricevere informazioni su importanti questioni familiari. La decisione fa capo alla recente notizia sganciata dal settimanale Oggi, che ha rivelato la presunta vera identità del padre delle ragazze, in carcere per aver falsificato i suoi documenti e per una truffa da 10 milioni di franchi.
A cura di Giulia Turco
522 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Grande Fratello Vip 2021/2022

Jessica, Clarissa e Lulù Selassié sono state convocate in privato dal GFVip per ricevere dalla produzione informazioni su importanti questioni familiari. La decisione fa capo alla recente notizia sganciata in esclusiva dal settimanale Oggi, che ha rivelato la presunta vera identità del padre delle ragazze. Aklile Berhan Makonnen Hailé Selassié (Giulio Bissiri) non avrebbe alcun titolo imperiale nella discendenza etiope e le tre sorelle non sarebbero quindi vere principesse.

Chi è davvero il padre delle sorelle Selassié

Stando a quanto riporta il settimanale, l'uomo in questione non sarebbe il vero discendente dell'ultimo imperatore etiope, ma solo il figlio di un giardiniere italiano che lavorava a Palazzo. Essendo cresciuto in mezzo ai piccoli della famiglia imperiale e avendo coltivato un stretto rapporto affettivo con la famiglia, si dice che Giulio Bissiri fosse considerato alla pari dei principini, nonostante non avesse alcun titolo nobiliare, di fatto. Una volta tornato in Italia, anni dopo, avrebbe fatto modificare i suoi documenti per far sì che risultasse come il terzo in linea di discendenza. La notizia è arrivata come una doccia fredda al GFVip e con buone probabilità se ne discuterà in puntata. Come giustificheranno le sorelle Selassié la verità sulle loro origini?

Perché il signor Selassié è in carcere per truffa

Non solo. Il signor Bissiri, fa sapere Oggi, è attualmente in carcere a Lugano, in Svizzera, dopo “l’arresto avvenuto in Lussemburgo su ordine della procura ticinese”. Ne ha parlato anche la tv svizzera. Giulio Bissiri deve rispondere non solo del reato per aver falsificato i documenti, ma anche di una truffa da oltre 10 milioni di franchi, che avrebbe compiuto proponendo a tre investitori mirabolanti affari con bond tedeschi datati 1922. Un colpo iniziato nel novembre 2008, come spiegano i media svizzeri. Selassié rimarrà in carcere per i prossimi tre mesi per evitare l’inquinamento delle prove.

522 CONDIVISIONI
942 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni