Filippo Bisciglia conclude con successo la settima stagione di Temptation Island. Il conduttore traccia un bilancio positivo della sua esperienza, il viaggio nei sentimenti che ha fatto segnare a Canale5 un record di ascolti dopo l’altro. Il conduttore è soddisfatto dei risultati raggiunti e del modo in cui le coppie, quelle che sono rimaste insieme, sono riuscite a risolvere i loro problemi o ad avviare un percorso che consentirà alle rispettive storie di maturare.

Perché è intervenuto durante il falò tra Ciavy e Valeria Liberati

Non sono mancati momenti di altissima tensione che Filippo, come ogni anno, ha avuto modo di osservare da vicino. In un momento in particolare ha perfino deciso di intervenire per riportare la calma, quando Ciavy e Valeria Liberati stavano discutendo animatamente sui tronchi prima di lasciarsi:

Il momento più difficile è stato il falò tra Ciavy e Valeria. Il mio ruolo è quello del confidente, di colui che al falò cerca di ascoltare le emozioni delle coppie, ma durante il loro confronto finale è uscito il Filippo di tutti i giorni, che se vede un uomo discutere animatamente con una donna, interviene per placare gli animi. Ciavy era molto deluso e ognuno reagisce in base alle proprie sensazioni ma se avesse lasciato a Valeria la possibilità di replicare, piuttosto che parlarle sopra, sarebbe stato sicuramente meglio.

La crisi tra Antonella Elia e Pietro e la frase cult su Sofia Calesso

Tanti credono che la cosa più importante da considerare siano i tradimenti, ma in sette anni di programma di baci se ne sono visti davvero pochi. Ciò che crea fratture in un rapporto, e che spesso porta alla rottura, è soprattutto quello che solitamente viene taciuto: la verità e i dubbi che non si ha il coraggio di ammettere di fronte al proprio partner. Basta guardare il caso di Antonella e Pietro” aggiunge ancora il conduttore che ha speso per la showgirl parole tenere, avendo compreso la crisi vissuta al falò e la decisione di concedere un’altra opportunità al compagno: “Antonella è come la vedete, una donna che quando viene attaccata, si difende. Ha un carattere particolare, delle reazioni imprevedibili, ma è solo ed esclusivamente perché ha un passato difficile, come lei stessa ha raccontato, ed è una persona che ha sofferto. Reagisce quando viene ferita ma ha un animo buono”. Infine, racconta qual è stata, secondo lui, la scema cult di questa edizione:

Durante la prima puntata mi sono commosso ascoltando Annamaria parlare con Antonella della sua vita e del suo rapporto con Antonio. Lei è una donna dolcissima. E poi resta una scena cult: quella in cui Antonella, mentre Sofia le parlava di se stessa in terza persona, le chiede ‘Chi è Sofia?’ (ride, ndr).