Una settimana dopo le dure affermazioni di Francesca e Filippo De André contro il padre Cristiano a Domenica Live, parla ora l'altra figlia Fabrizia De André, sempre ai microfoni di Barbara D'Urso nel programma di Canale 5. Dopo averlo in passato difeso varie volte, la primogenita del cantautore e di Carmen De Cespedes (il cui nome omaggia il grande nonno, Fabrizio De André) ha spiegato:

Il mio rapporto con mio padre è sempre stato travagliato. Diatribe tra mia madre e mio padre, come ha detto Francesca. Però ho sempre cercato di avere un rapporto con lui perché ne ho sempre avuto bisogno, come ne ho bisogno tutt'oggi. Non sono qui per dare contro. Comunque è sempre mio padre. Però quando diventi madre, ci sono cose che ti lasciano un qualcosa di forte… Per questo ho deciso di parlare.

Cristiano De André avrebbe visto il nipotino solo una volta

Fabrizia stessa ha chiarito che la sua intenzione non è accusare il padre, ma semplicemente costruire un rapporto con lui. A gennaio 2018 è diventata mamma per la prima volta e soffre moltissimo perché Cristiano ha incontrato il nipotino solo una volta.

Mi ero presentata alla presentazione del suo libro, non per confermare quello lui aveva scritto nel libro ma solo per riavvicinarmi a mio padre. C'ero anche riuscita, c'è stato un periodo in cui l'ho difeso, anche in momenti in cui non era difendibile. Purtroppo, non riesco nel mio intento. Quando è nato mio figlio, lui era in Thailandia per riposarsi. Quando ci siamo rivisti, ha visto il bambino al ristorante in cui lavora il mio compagno ed era felicissimo. Ma da lì, è sparito e io non so la motivazione. In 8 mesi, l'ha visto solo una volta.

La richiesta di abortire

Fabrizia ha aggiunto un particolare piuttosto scioccante. A suo dire, Cristiano De André le avrebbe suggerito di abortire: "Mio padre, inizialmente, non era contento perché il mio compagno fa il cameriere, e al terzo mese mi aveva chiesto di abortire. Penso l'abbia fatto per timore che gli chiedessi un contributo economico". Ha proseguito Fabrizia:

Quando è sparito, ho provato a chiamarlo, ma lui bloccava chiamate e messaggi. Ho capito il motivo quando mi è arrivata la lettera dell'avvocato, che diceva che lui non vuole più passarmi soldi. Lo capisco, non pretendo che mi aiuti economicamente. Però mi sono anche sentita dire che lui vive con 10 euro al giorno, quando continua a mettere foto in barca o in villaggi turistici. Ma lasciamo stare la questione economica. Forse non si fa più sentire anche perché voleva anche che mettessi a mio figlio come secondo cognome De André, ma io per rispetto ho preferito lasciare il cognome del mio compagno. La fidanzata di mio padre (Ottavia Pojaghi Bettoni, ndr) ha voluto appoggiarlo e non si è messa dalla mia parte, mi ha consigliato anche lei di abortire. Ora lui vive in Sardegna e io, con un bambino piccolo e un compagno che lavora tutto il giorno, non ho ancora avuto la possibilità di andare da lui e aspettarlo sotto casa,

L'appello per Cristiano De André

Infine, l'appello diretto al padre: "Non capisco, vorrei chiedere il perché, i motivi di tutto questo. Io ci sono sempre stata quando lui aveva bisogno. Forse sono ingenua. Francesca, forse, è stata precoce nel capire. Mi piacerebbe avere un padre con cui confidarmi, ho bisogno del suo appoggio. Non per farmi passare dei soldi, vorrei avere lui".