1.705 CONDIVISIONI
Sanremo 2018
7 Febbraio 2018
15:54

Ermal Meta e Fabrizio Moro restano in gara, ma la Rai non ci fa una bella figura

Perché il caso Meta-Moro rischia di offuscare la bellezza di un uno spettacolo che è anche sostenuta da risultati che non si vedevano dal 2005. Tutto solo perché la Rai ha paura di privarsi di due dei suoi protagonisti più in vista.
1.705 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Sanremo 2018

Sono solo canzonette, non mettetemi alle strette. È perfetta per Claudio Baglioni perché con "Non mi avete fatto niente", il Festival si sta facendo bollente per il direttore-dittatore. Il caso della canzone auto-plagio di Ermal Meta e Fabrizio Moro rischia di occupare molto più spazio di quanto non ne meriti in realtà, offuscando la bellezza dello spettacolo che, peraltro, è sostenuta anche da risultati che non si vedevano per una prima serata dal 2005. Eppure il teatrino visto questa mattina in sala stampa non è stato per niente di buon gusto, a partire dalle confuse dichiarazioni dei suoi protagonisti.

Le dichiarazioni contrastanti

La prima dichiarazione di Baglioni sembrava misurata: spiegava che il brano del duo non è un plagio ma una sorta di auto-citazione di "Silenzio" fatta dal suo autore principale Andrea Febo, in punta di piedi spiega che "verranno fatte valutazioni". Peccato sia stata smentita subito dopo Claudio Fasulo, autore e dirigente Rai, che chiude la questione negando ogni scoop, tirando in ballo modifiche al regolamento, su tutte la possibilità di poter utilizzare il 30% di un brano precedente come "campionamento".

Perché la Rai vuole tenere dentro Meta e Moro

La storia non sta in piedi e l'aria si fa pesante quando in sala stampa viene fatto notare che la "Silenzio" scritta da Andrea Febo per Ambra Calvani e Gabriele De Pascali, non solo sarebbe stata presentata alle selezioni di Sanremo Giovani 2016 e suonata in due occasioni in pubblico, ma avrebbe persino generato introiti Siae per 12 euro. La confusione nel passarsi una palla rovente in sala stampa tra Angelo Teodoli e Claudio Fasulo, incalzati e stizziti, e un Baglioni pacatissimo, va detto, e il successivo ritrattare di Teodoli ("Si, faremo delle verifiche") genera il sospetto che la Rai si sia resa conto, già a bocce ferme, di avere in "Non mi avete fatto niente" una canzone simbolo da portare alla vittoria, o quantomeno da tenere in gara a tutti costi.

Il regolamento è grottesco per una competizione

Siamo qui però nel campo di una regolamentazione che ha mostrato più di un buco. Come faceva notare bene Molendini in sala stampa, è come se Baglioni decidesse di presentarsi in gara a Sanremo ricampionando il 30% di "Questo piccolo grande amore", partendo così con un vantaggio, dal punto di vista simbolico, determinante. In sala stampa si è risposto: "Si, però Baglioni è Baglioni". Non c'entra, signori, sarebbe comunque grottesco, oltremodo bizzarro e scorretto, regolamento o meno. Non regge nemmeno il tentativo di Claudio Baglioni di specificare che la forma canzone moderna ha perso il ritornello, dividendosi in quattro parti uguali e rendendo difficile la sua individuazione. Il brano di Meta-Moro non ha una forma moderna, ma è di forma classica ABAB, strofa e ritornello. E quello di "Non mi avete fatto niente", che è poi la parte incriminata, è chiarissimo ed è appunto identico a "Silenzio".

Quindi, ok, la "presunzione d'innocenza", citata da Teodoli, di Ermal Meta e Fabrizio Moro ci può stare, ci mancherebbe, ma a questo punto verrebbe meno qualsiasi intenzione d'onestà e semplicità con cui il Festival di Baglioni è stato presentato. Per questo, è lecito pensare che ci sia la volontà della Rai di tenere la canzone dentro, chiudere entrambi gli occhi e nascondersi dietro a un dito, solo per paura di privarsi dei suoi due protagonisti più in vista.

1.705 CONDIVISIONI
317 contenuti su questa storia
Duccio Forzano, regista del 'Festival di Sanremo 2018':
Duccio Forzano, regista del 'Festival di Sanremo 2018': "Claudio Baglioni mi ha salvato la vita"
Fiorello:
Fiorello: "Mia moglie Susanna è l'angelo che mi ha portato a Sanremo 2018"
Favino sul monologo di Sanremo:
Favino sul monologo di Sanremo: "Testo sull'estraneità in generale. La mia politica è capire le emozioni"
3.663 di askanews
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni