C'è una nuova piattaforma di contenuti on demand che promette di cambiare le regole del gioco. Si chiama Quibi, è disponibile esclusivamente per smartphone e, previo abbonamento, fornisce produzioni originali della durata inferiore ai 10 minuti. È una piattaforma completamente differente da Amazon Prime Video, da Netflix o dalla esordiente in Italia Disney+, perché questa si propone di essere una piattaforma fruibile in ‘mobilità'. Perché "Quibi"? Da "Quick Bites", ovvero boccone al volo.

La filosofia di Quibi

Provando a semplificare, Quibi vuole provare a rubare il tempo che ognuno di noi impiega per scrollare i feed e le storie dei social. Per farlo, l'azienda si è dotata di un cast di stelle. Giusto per fare due nomi: Steven Spielberg, Chance the Rapper, Jennifer Lopez. I contenuti saranno anche informativi: NBC, BBC, ESPN contribuiranno a fornire delle mini-clip di informazione. Grandi novità nella fruizione, possibile in verticale come in orizzontale, senza che l'esperienza venga compromessa. La tecnologia si chiama ‘turnstyle'. Ogni contenuto sarà immediatamente visibile in orizzontale e in verticale e sempre a una qualità massima di 1080p.

Cosa c'è su Quibi

Attualmente disponibili su Quibi solo contenuti in lingua inglese e senza sottotitoli in italiano. Le produzioni, però, sono di qualità. Tra i titoli più interessanti troviamo "Survive" con Sophie Turner, la Sansa Stark de "Il Trono di Spade". C'è anche "Punk'd", una serie che andava in onda su Mtv in cui vengono fatti scherzi a celebrities. Il marchio ritorna con la conduzione di Chance The Rapper.

Quanto costa

Veniamo ai costi. Abbonarsi a Quibi costa 8,99 euro al mese ma per chi vuole provare il servizio c'è la possibilità di usufruire di 90 giorni di prova gratuita. Negli Stati Uniti c'è anche una opzione ad 4.99 dollari al mese con gli annunci pubblicitari, ma nel nostro Paese non è disponibile.