La storia è la storia e spesso ci passa sotto il naso, si fa davanti ai nostri occhi e noi, inconsapevoli, stiamo a guardare senza rendercene conto. Non si fa abuso di iperboli quando si dice che la storia delle televisione italiana è stata segnata da un programma andato in onda per soli due mesi, per lo più basato sull'improvvisazione e con pochi testi scritti, che non era interrotto da spazi pubblicitari se non quello di uno sponsor inventato dagli autori del programma e andava in onda dalle 22.30 alle 23.30: Indietro Tutta.

"Indietro tutta 30 e l'ode" su Rai2 il 13 e 20 dicembre

Il programma eccezionalmente tornerà in onda il 13 e 20 dicembre 2017 con due serate celebrative in onore dei 30 anni trascorsi da quel lontano 1987. Renzo Arbore, Nino Frassica e Andrea Delogu riporteranno il pubblico a quei fasti con il chiaro intento di dimostrare che una tv differente è esistita e può esistere. Anzi, dovrebbe.

Perché "Indietro Tutta" è storia della tv?

Perché "Indietro Tutta 30 e l'ode" è un appuntamento così importante per la televisione italiana? È una domanda lecita, per la quale c'è una risposta. Renzo Arbore, tra gli anni Settanta e Ottanta del secolo scorso, si è dimostrato un pioniere, prima della radio e poi della tv. Con i suoi programmi è riuscito a tirare fuori l'essenza di questi mezzi, discostandoli dalle logiche produttive del tempo e prendendosi beffa di quelle stesse dinamiche dall'interno. Si è preso gioco della televisione facendo televisione. A "Indietro Tutta", Arbore e l'altro autore Ugo Porcelli, nonché Nino Frassica, Alfredo Cerruti, Arnaldo Santoro e tutti i volti protagonisti, hanno ridicolizzato senza durezza la televisione delle veline, degli ascolti, dei quiz, degli sponsor e della pubblicità. Hanno inventato uno sponsor inesistente, il celebre "Cacao Meravigliao" con la canzone cantata da una giovanissima e allora sconosciuta Paola Cortellesi, hanno ribaltato i palinsesti televisivi inventando la seconda serata in tv, hanno creato un programma cult nonostante sia durato solo due mesi.

Un programma senza tempo

Più di tutto, quello che pare evidente a tutti, è che i protagonisti di quel varietà si divertissero moltissimo. La dimostrazione che lo stile di Indietro Tutta sia senza tempo si può trovare in Nino Frassica. Non è un caso, infatti, che il comico siciliano sia ancora oggi uno dei volti più amati della tv e continui a far ridere il pubblico, ogni domenica in prima serata, utilizzando quello stesso stile di 30 anni fa, per niente usurato dal tempo e in grado di riscuotere esattamente gli stessi effetti.

Il programma in crossmedia su Radio2

Un anniversario importante, quello di Indietro Tutta, che Rai2 e Radio2 condividono, andando in onda in crossmedia. Gianfranco Monti e Claudio De Tommasi, compagni di viaggio di Andrea Delogu in radio con I Sociopatici, commenteranno le due serate su Radio2 per tutti gli ascoltatori che non potranno accendere la tv.

Le puntate di Indietro Tutta su RaiPlay

Solo guardando le due serate celebrative su Rai2 si potrà capire se Arbore e Frassica siano ancora efficaci come un tempo o se il programma si rivelerà una semplice operazione di revival televisivo. Ma per capire di cosa si tratti, Rai ha messo a disposizione sulla piattaforma RaiPlay tutte e 65 le puntate andate in onda da dicembre 1987 a marzo 1988. Per nostalgia, o semplicemente per sete di conoscenza, vale la pena guardarle.