È la serata di "Duisburg – Linea di sangue". Questa sera, nell'ambito delle giornate della legalità, andrà in onda su Rai1 il film per la tv con Daniele Liotti dedicato a uno dei fatti di sangue più efferati della storia recente legata al nostro paese. Nota come la "strage di Ferragosto", tutto accadde il 15 agosto 2007 a Duisburg, all'orario di chiusura del ristorante italiano "Da Bruno". Nell'agguato persero la vita sei persone: Tommaso Venturi, 18 anni; Francesco Giorgi, 16 anni; Francesco Pergola, 22 anni; Marco Pergola, 20 anni; Marco Marmo, 25 anni; Sebastiano Strangio, 39 anni, chef e proprietario del ristorante.

La vera storia della strage di Ferragosto

Dalle verità processuali, è emerso che l'agguato fu compiuto dalla ‘ndrina Nirta-Strangio come attacco e risposta a precedenti agguati contro la ‘ndrina Pelle-Vottari. Si tratta di due clan tra i più potenti della zona di San Luca, protagonisti di una faida che andava avanti dal 1991. Stando alle indagini, l'agguato avvenne alle 2.24 della notte quando le sei vittime stavano uscendo dal locale dopo aver festeggiato il 18esimo compleanno di una delle vittime. Saliti in auto, i killer sono entrati in azione. Al termine della sparatoria, i killer hanno sparato un colpo in testa a ogni vittima.

Gli arresti dopo la strage

Le indagini hanno visto la collaborazione tra la polizia tedesca, i Carabinieri e la polizia italiana. Dopo gli arresti, il processo. La Corte di Cassazione il 16 maggio 2016 condanna all'ergastolo definitivamente Giovanni Strangio, come ideatore e autore della strage, Francesco Nirta, Giovanni Nirta, Sebastiano Vottari e Francesco Vottari.

Il film sulla strage

Diretto da Enzo Monteleone, il film per la tv con Daniele Liotti racconterà la storia di questo regolamento di conti. Così Daniele Liotti all'Ansa, nella conferenza stampa di presentazione:

È ispirato tutto a un fatto di cronaca realmente accaduto nel 2007, quando vennero uccisi sei giovanissimi davanti a un ristorante a Duisburg in Germania per un regolamento di conti tra due famiglie di ‘ndrangheta. Io interpreto Michele Battaglia, il commissario di polizia italiano che indagò con il collega tedesco Thomas Block (Benjamin Sadler).

Michele Battaglia è un poliziotto richiamato dalla Calabria per collaborare con gli ufficiali tedeschi. È un uomo giusto che vuole la verità e che per questo si ritroverà a mettere le mani nella difficile storia che da Duisburg conduce fino a San Luca, il paesino calabrese ritenuto la capitale della ‘ndrangheta.