I mesi appena trascorsi sono stati, probabilmente, i più intensi e complessi della sua vita, ma Nadia Toffa sembra non avere alcuna intenzione di cedere e smettere di lottare contro il male scoperto a fine 2017, quando in seguito a uno svenimento e un ricovero, ha scoperto di avere un cancro che sta combattendo con tutte le sue forze. Nata nel 1979, l'inviata e conduttrice de Le Iene compie 39 anni il 10 giugno 2018, avvicinandosi al terzo cambio di desinenza per la decina che denota la sua età.

Nelle settimane appena trascorse la Toffa non ha smesso di fare notizia per le ragioni che l'hanno posta al centro della discussione pubblica negli ultimi mesi, ovvero le sue condizioni di salute. Dopo essere tornata regolarmente a lavorare, settimana dopo settimana, per la trasmissione televisiva di Davide Parenti, la Toffa è stata costretta a diversi pit stop dovuti alla necessità di riposo a causa delle cure. In tutte le occasione per le quali è stata costretta ad assentarsi, le è sempre stato riservato un saluto in diretta da parte della squadra del programma, che al netto di aggiornamenti costanti sulle sue condizioni ha sempre mantenuto il massimo riserbo in merito agli aspetti strettamente clinici.

La confessione in diretta sulle sue condizioni di salute

A confessarsi era stata lei, scegliendo il giorno del ritorno in onda per dire tutto quanto fosse accaduto nei mesi precedenti, dopo il grande spavento derivato dal suo ricovero. Un discorso intenso, segnato naturalmente da un alto grado di commozione e parole forti:

Ho avuto un cancro. Mi sono operata e mi hanno tolto il 100% del tumore. Ma ho fatto un radio e chemio preventiva, le ho finite pochi giorni fa. Ho deciso di non dirlo, lo sapevano pochissime persone. Con la stampa è stato necessario non rivelarlo. La fortuna è stata proprio che dopo lo svenimento ho fatto un accertamento, un check-up completo. Ora sto benissimo. Non mi vergogno di nulla. Non mi vergogno dei chili persi, li riprenderò. Non mi vergogno nemmeno del fatto che ora porto la parrucca, è più bella dei miei capelli. Ci sono stati momenti difficili, per esempio quando mi è rimasta in mano la prima ciocca. Ho pensato a Gabriella, una bambina che ci aveva raccontato del suo cancro e di quando ha perso i capelli. Grazie Gabriella! Perché ti ho pensato: se ce la fa uno scricciolo come te, allora ce la posso fare anch'io! Voglio chiedere aiuto anche a voi: si tende ad avere una certa delicatezza con chi ha avuto un cancro. Invece, chiedo tanta normalità, continuate a prendermi in giro (ai colleghi de Le Iene). Lo chiedo anche a voi, il pubblico. Se mi incontrate per strada trattatemi come al solito: se volete farmi un complimento, o dirmi che un servizio non vi è piaciuto, ditemelo. Criticatemi se volete, ma non trattatemi da malata!

Lo sciacallaggio e le fake news

Vili e imbarazzanti sono stati diversi casi di sciacallaggio sulle condizioni di salute di Nadia Toffa. Risale a qualche settimana fa uno dei casi più eclatanti, che vide la Toffa improvvisamente al centro di una presunta fuga di notizie che la voleva sconfitta dalla malattia, quindi morta. Dopo minuti di fibrillazioni, si comprese subito l'entità della notizia, ma resta memorabile commento alle notizie circolanti in quelle ore, carico di ironia: "Ragazzi incredibile! Questa sì che è una notizia! Twitter funziona anche dall'aldilà".

Il ritorno in tv di Nadia Toffa

La stagione 2017-2018 de Le Iene si è chiusa con alcune puntate orfane della Toffa, appunto a riposo forzato. In queste  ultime settimane non è stato divulgato alcun dettaglio specifico sul progresso delle sue condizioni, ma si suppone che all'inizio della prossima stagione l'inviata, che ha anche ricevuto recentemente un premio giornalistico per il lavoro fatto su un caso di pedofilia in Puglia, la Toffa tornerà anche a sedere dietro la scrivania con i suoi compagni di viaggio.