"Ho dato motoreeey". Ritorna René Ferretti, ritorna il set de "Gli occhi del cuore" con il suo sgangherato cast di stelle, starlette e stagisti schiavi che ruotano intorno alla serie "Boris". La serie del compianto Matteo Torre, autentico fenomeno del racconto contemporaneo, è tornata disponibile su Netflix da oggi. Era stata già inserita in catalogo nel febbraio 2016, in occasione dei trent'anni della serie.

Il mondo Boris: di cosa parla la serie tv

Andata in onda per la prima volta su Fox, dal 2007 al 2010, "Boris" rappresenta una critica feroce agli ambienti dei set televisivi e cinematografici. Presentata come "la fuori serie italiana", Boris racconta con ferocia il dietro le quinte del set della fittizia soap "Gli occhi del cuore 2". Il punto di vista è quello di Alessandro (Alessandro Tiberi), giovane stagista al suo primo giorno di lavoro negli studi.

Gli indimenticabili personaggi di Boris

Scopriremo così tutti gli iconici e indimenticabili personaggi: il regista René (Francesco Pannofino) e i due attori protagonisti, il pedante Stanis La Rochelle (Pietro Sermonti) e la "cagna" Corinna Negri (Carolina Cresentini). Al fianco del regista c'è Arianna (Caterina Guzzanti), la sua assistente alla regia. Completano l'esasperante quadro segretaria d'edizione Itala, interpretata da Roberta Fiorentini, scomparsa lo scorso ottobre. E ancora il direttore di produzione Sergio (Alberto Di Stasio), il delegato Lopez (Antonio Catania), Duccio Patané, il direttore della fotografia che "smarmella tutto" (Ninni Bruschetta) e Biascica, il capo elettricista indolente e un po' tonto interpretato da Paolo Calabresi.

Il film di Boris

Il successo di "Boris" è stato tale da sbarcare anche al cinema. Nel 2011, "Boris – Il film" diretto e co-sceneggiato da Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre e Luca Vendruscolo, è diventato un piccolo caso proponendosi sì come prosecuzione delle tre stagioni della serie tv, ma in nuovo contesto narrativo. Sergio, lo storico direttore di produzione e amico di René, gli propone confida di essere riuscito a ottenere i diritti del best seller d'inchiesta La casta: dopo anni passati a girare fiction di quart'ordine, i due provano a emanciparsi per girare un film "alla Gomorra". Come le tre stagioni della serie tv, anche il film è disponibile su Netflix.