Si è spenta oggi, giovedì 24 ottobre, l'attrice Roberta Fiorentini. Interpretava il personaggio di Itala nella serie televisiva Boris. Nata il 22 novembre 1948, aveva 71 anni. La pagina Facebook dedicata alla fiction, ha pubblicato un messaggio nel quale ha rivolto le condoglianze alla famiglia: "Con grande dispiacere vi annuncio che oggi è venuta a mancare Roberta Fiorentini. Le mie più sentite condoglianze alla famiglia". 

I funerali di Roberta Fiorentini

La pagina dell'artista ha comunicato che i funerali si terranno venerdì 25 ottobre alle ore 10:30, a Roma. Come per molti personaggi del mondo dello spettacolo, l'ultimo saluto a Roberta Fiorentini verrà dato presso la "Chiesa degli Artisti" – Basilica di Santa Maria in Montesanto in Piazza del Popolo.

La carriera di Roberta Fiorentini

Figlia dell'attore e sceneggiatore Fiorenzo Fiorentini, Roberta ha iniziato ad appassionarsi alla recitazione già da giovanissima. Crescendo ha tenuto alto il nome del padre, fondando la Scuola di Teatro Popolare di Fiorenzo Fiorentini, di cui è stata docente per 12 anni. Nel 2007 è entrata a far parte del cast della serie televisiva ‘Boris' e ha preso parte anche a ‘Boris – Il film' uscito nel 2011. Tra le pellicole a cui ha lavorato anche ‘SMS – Sotto mentite spoglie' di Vincenzo Salemme, ‘Due vite per caso' di Alessandro Aronadio, ‘Un matrimonio da favola' di Carlo Vanzina e ‘Assolo' di Laura Morante.

Il personaggio di Itala in Boris

Uno dei personaggi che le hanno permesso di entrare nel cuore degli italiani, che in queste ore la stanno commemorando, è sicuramente Itala. Nella serie televisiva e nella pellicola ‘Boris – Il film', infatti, interpretava una segretaria di edizione raccomandata e non particolarmente amante del lavoro. Alessandro (interpretato da Alessandro Tiberi), ragazzo appassionato di spettacolo che riusciva a entrare come stagista dietro le quinte della produzione di una fiction, doveva scontrarsi con la sua irascibilità. Da quando è stata diffusa la notizia della morte di Roberta Fiorentini, si stanno moltiplicando i messaggi di affetto.

Una Brunella di Montalcino amante di Alan Sorrenti

Itala è stato uno dei personaggi di Boris più legati al folklore locale, non solo nazionale. Una Lella Fabrizi messa dietro le quinte invece che protagonista in scena, amante del vino, tanto da essere soprannominata Brunella di Montalcino, e delle raccomandazioni dell'amministratore delegato Romanelli. Indivisibile da René Ferretti durante le riprese, oziosa e assolutamente poco professionale, Itala è la raffigurazione di un'Italia sciatta e cialtrona, che la passa costantemente liscia perché protetta dal politico di turno, al quale ciclicamente presta i suoi favori di votante durante le elezioni.

Famose le scene in cui uccide accidentalmente il pesce rosso di René, Boris appunto, dandogli da mangiate un pezzo di lardo di Colonnata; quella in cui confonde Paolo Sorrentino con Alan Sorrenti, "ma sembri un ragazzino? Il segreto qual è? nun magni a carne…"; o quella in cui si complimenta con lo stagista Alessandro perché "parla un sacco bene l'italiano", scambiandolo per un migrante, in una delle sue sbronze sul set. E se Glauco (Giorgio Tirabassi) la sprona a continuare bere vino e a farsi uno shampoo, senza sortire grandi effetti, il resto della troupe evita di andarle sotto, vista l'irascibilità che la contraddistingue. "Se non sai chi votà domenica, questa è na brava persona, c'ha un figlio disabile" così Itala introduce il piccolo tutorial per la cabina elettorale con il voto venduto al miglior offerente, consuetudine tutta italiana che le ha restituito ancora una volta un registro amaro, servito col sorriso, in una delle scene più iconiche di Boris.