Da domenica 15 marzo, al via su Rai1 la fiction ‘Bella da morire‘. La miniserie in quattro puntate è diretta da Andrea Molaioli. Protagonista Cristiana Capotondi, che interpreta l'ispettrice di polizia Eva Cantini. Tramite donne forti e determinate, Rai1 alza il velo sul dramma del femminicidio e su quanto sia importante garantire giustizia alle donne a cui è stata tolta la voce. L'appuntamento è alle ore 21:25.

Anticipazioni quarta e ultima puntata del 5 aprile

Domenica 5 aprile, Rai1 trasmetterà la quarta e ultima puntata di Bella da morire. Tutti i nodi verranno al pettine. La relazione tra Eva e Marco si interromperà bruscamente dopo un episodio di violenza. Marco lascerà Lagonero, tuttavia si imbatterà in Sofia che sembrerà sotto shock. Perciò deciderà di seguirla. Rachele, intanto, permetterà a Edoardo di conoscere Matteo. Paolo Bonsini, sospettato dell'omicidio di Gioia, verrà trovato morto. Le indagini sulla morte dell'aspirante showgirl prenderanno una nuova direzione. Eva riuscirà finalmente a scoprire la verità, ma ciò la metterà in grave pericolo.

Il cast della fiction con Cristiana Capotondi

Cristiana Capotondi interpreta Eva Cantini; Matteo Martari interpreta Marco Corvi; Lucrezia Lante della Rovere interpreta Giuditta Doria; Elena Radonicich interpreta Sofia Scuderi; Benedetta Cimatti interpreta Rachele Cantini; Margherita Laterza interpreta Anita Mancuso; Giulia Arena interpreta Gioia Scuderi; Gigio Alberti interpreta Sergio Cantini; Paolo Sassanelli interpreta Claudio Scuderi; Anna Ferruzzo interpreta Tina Scuderi; Fausto Maria Sciarappa interpreta Ignazio Iurini.

Bella da morire, la trama delle quattro puntate

La vita dell'ispettrice di polizia Eva Cantini cambia quando decide di tornare nella sua città d'origine, Lagonero. Il primo caso che le viene affidato è quello della scomparsa di Gioia, una ragazza che sperava di avviare una carriera nel mondo dello spettacolo. Eva è pronta a tutto per scoprire la verità sul triste destino di Gioia e fare in modo che quella donna abbia giustizia.

La prima puntata del 15 marzo

La prima puntata di ‘Bella da morire', in onda domenica 15 marzo, si compone di due episodi. Nel primo episodio, l'ispettrice di polizia Eva Cantini fa ritorno a Lagonero, la città in cui è nata. Eva intende aiutare la sorella Rachele. Quest'ultima ha un figlio piccolo, Matteo, non ha un compagno e sta attraversando un momento difficile. L'ispettrice è accolta senza tanti complimenti dal questore Festi. Il primo caso di cui si occupa è quello della scomparsa di Gioia, aspirante showgirl. A denunciare l'accaduto è il padre di lei, Claudio Scuderi. Eva è certa che la scomparsa non sia affatto un allontanamento volontario e riesce a convincere il Procuratore Capo Giuditta Doria ad aprire un'indagine. La Cantini indagherà insieme a Marco Corvi. Quando la speranza di scoprire la verità sembrerà perduta, l'ispettrice farà una drammatica scoperta. Viene trovato il corpo di Gioia. Nel secondo episodio, Sergio – padre di Eva e Rachele – denuncia l'avvelenamento del loro cane e accusa il vicino. Intanto, il medico legale Anita Mancuso si impegna con Eva e Marco per scoprire la verità sulla morte di Gioia. Si delinea anche il primo sospettato: Amir, l'ultimo uomo ad avere avuto una conversazione con Gioia. Tuttavia, i sospetti cadono subito per mancanza di prove. Poco dopo, anche Amir scompare e si sospetta che sia stato vittima di una vendetta. L'intervento di Eva sarà provvidenziale.

La seconda puntata del 22 marzo

Nella seconda puntata di ‘Bella da morire‘, in onda il 22 marzo, Eva e Marco arrestano Graziano Silvetti. Il manager e amante di Gioia sembra essere implicato nella morte della giovane. Ulteriori analisi sul corpo, inoltre, faranno emergere con più precisione l'ora del decesso. Marco confessa a Eva che da tempo frequenta un centro per uomini violenti. In passato ha alzato le mani sulla sua compagna. Rachele rivela a Eva che Matteo è il frutto di una violenza.

La terza puntata del 29 marzo

Nella terza puntata di Bella da morire, in onda il 29 marzo, Eva si ritrova punto e a capo. Infatti, la donna che accusava Graziano Silvetti ha reso falsa testimonianza. Doria decide di non occuparsi più della morte di Gioia e affida il caso a Iurini. Rachele, intanto, va a cercare Edoardo, l'uomo dalla cui violenza è nato Matteo. Il corpo di Gioia parla. Sotto le sue unghie della vernice gialla, che apre nuove piste. Eva fa perquisire la casa di Sofia, sorella di Gioia.