Jude Law, John Malkovich, Silvio Orlando e le guest star Sharon Stone e Marilyn Manson. La serie Sky Original The New Pope – che andrà in onda da venerdì 10 gennaio alle 21.15 su Sky – creata e diretta dal premio Oscar® ​Paolo Sorrentino si presenterà al pubblico mondiale con un cast internazionale, che ben chiarisce fin dai titoli di testa le sue rinnovate ambizioni, dopo il successo incredibile già riscosso da ​The Young Pope​, venduta in 154 Paesi e nominata agli Emmy Awards per scenografia e fotografia, senza contare la nomination dello stesso Jude Law ai Golden Globe come miglior attore.

Giochi di potere

Ma di cosa parlerà ​The New Pope​? La serie si apre con Papa Pio XIII in coma, vegliato giorno e notte da numerosi fedeli accorsi da tutto il mondo. Mentre tutti sperano in un suo risveglio da questo sonno tanto profondo quanto misterioso, il Segretario di Stato Voiello gioca fruttuosamente tutte le sue carte per far ascendere al soglio pontificio un aristocratico inglese moderato, Sir John Brannox, interpretato da un attore che ben ne incarna i connotati affascinanti e sofisticati, John Malkovich. Il nuovo Papa prende il nome di Giovanni Paolo III.

Dentro la Chiesa tra scandali e santità

Dietro una patina di perfezione, il nuovo Papa, in realtà, cela insospettabili fragilità e non pochi segreti che di certo non lo aiutano a gestire una situazione già di per sé non facile: Lenny Belardo, infatti, sospeso tra la vita e la morte, ai più già appare ammantato di santità e il suo carisma sembra crescere in maniera ancora più travolgente di quando era ben saldo al suo posto. Questo crea un contrasto interno alla Chiesa tra diversi fondamentalismi che si va a sommare a nuovi scandali – i quali sembrano travolgere in modo irreversibile le alte gerarchie – e a minacce esterne che prendono di mira i simboli della cristianità.

I protagonisti: nessuno è come appare

Una situazione critica che i protagonisti affrontano, tutti in conflitto con le rispettive contraddizioni: dal Papa, in lotta coi suoi segreti, al Cardinale Voiello (Silvio Orlando), abile deus ex machina per la soluzione di scandali e minacce, dal fedele quanto contraddittorio Cardinale Gutierrez (Javier Cámara) alla determinata Sofia Dubois (Cécile de France), responsabile della comunicazione del Vaticano. E mentre dietro le mura pontificie accade tutto questo, al di fuori ritroviamo ancora Ester Aubry (Ludivine Sagnier), rimasta sola col figlio Pio, frutto del miracolo di Lenny Belardo. Assecondando una proposta che le cambierà la vita, finirà per infittire le fila degli idolatri di Pio XIII.

Il segreto di un successo annunciato

Conflitti, misteri, segreti e contraddizioni conditi con un cast stellare e innaffiati da una sapienza registica da premio Oscar e da una sceneggiatura solida a firma dello stesso Sorrentino e di Umberto Contarello e Stefano Bises. Una ricetta con cui Sky non farà fatica a sedurre ancora una volta i suoi spettatori.