Amadeus ne sembra convinto: se non usciremo dalla pandemia e saremo ancora nelle attuali condizioni, il Festival di Sanremo non si farà (o per lo meno non nelle date ad oggi previste, dal 2 al 6 marzo 2021). Il direttore artistico della kermesse è stato chiaro e diretto al Festival della tv e dei nuovi media di Dogliani. Le regole anti-coronavirus, con distanziamento sociale sia tra il pubblico che sul palco, sarebbero troppo stringenti per l'Ariston.

Non c’è nessun piano B per Sanremo, deve essere nella totale normalità. O si fa con il pubblico o nulla. Senza il pubblico Sanremo non si può fare, è impensabile lasciare la platea con gli spettatori distanziati, è impensabile mettere gli elementi dell’orchestra ogni due metri. L’Ariston è un tempio meraviglioso, ma gli spazi sono ridotti. E poi come fai a dire a Fiorello di non sputarmi l’acqua sul collo.

Il cast di Sanremo 2021 annunciato il 17 dicembre

Le parole del conduttore hanno fatto il giro della rete e immalinconito non poco gli spettatori. Del resto, il Sanremo 2020 di Amadeus, amatissimo dal pubblico, ha preceduto di pochissimo lo scoppio della pandemia e viene percepito come una sorta di ultima "isola felice" prima che le vite di tutti cambiassero in modo così radicale. Eppure, nonostante i dati dei contagi stiano aumentando e l'autunno sia una grossa incognita, i lavori di Sanremo 2021 al momento proseguono regolarmente: "Il 17 dicembre svelerò su Rai1 tutto il cast del Festival, non solo i giovani, ma anche tutti i big", ha spiegato Amadeus, che ascolterà la bellezza di 500 canzoni: "Tra cantanti in gara e ospiti ci sono 50 persone che ti vorranno bene tutta la vita, gli altri 400 e passa ti augureranno come minimo di dare una capocciata forte da qualche parte".

Fiorello ancora al fianco di Amadeus

Dunque, per sapere quale sarà il destino del festival, sarà necessario pazientare ancora qualche mese. Al momento, l'unica certezza è la conferma alla direzione di Amadeus, già al lavoro da mesi, oltre al ritorno di Fiorello al suo fianco. La grande amicizia tra i due è stato il leitmotiv di Sanremo 2020 e l'asso nella manica di un'edizione che a tutti gli effetti è stata indimenticabile, tra momenti comici, super ospiti, scandali e "fughe" (leggi alla voce Morgan e Bugo). Il nuovo Sanremo potrebbe davvero una rinascita per gli italiani, così bisognosi di leggerezza e intrattenimento. Sempre che non venga rinviato o addirittura sospeso.