La quinta stagione de La Casa di Carta non è ancora arrivata e i fan già piangono prima ancora di poter dire addio ai loro beniamini. Si tratta pur sempre di una serie che ha avuto un successo planetario, la prima di Netflix, e non stupisce che anche i suoi interpreti vedano la parola finecon una certa nostalgia. Ed è così che Alvaro Morte, il Professore della serie spagnola, ha salutato i fan e lo show che gli ha dato una notorietà internazionale con un commovente post su Instagram.

Il saluto di Alvaro Morte

Gli occhi lucidi, lo sguardo che segue il movimento della macchina mentre si allontana dal set e un silenzio che racchiude mille parole accumulate in questi anni in cui "La casa di carta" è diventata un vero e proprio fenomeno mondiale. Alvaro Morte si congeda così, scrivendo: "Lasciando per l'ultima volta il set di La casa de papel. Le parole sono superflue. Grato per tante cose, per tutto. Ai fan (i primi, ovviamente), a tutta la squadra di Vancuver Media Producciones e @netflixes @netflix E a te, caro professore. Mi mancherà passare dei momenti così belli con voi. GRAZIE."

Cosa aspettarsi dalla quinta stagione

Dopo l'annuncio di una quinta stagione, le riprese sono iniziate quasi tempestivamente, lo scorso agosto. Si pensava, quindi, che i dieci episodi conclusivi della serie potessero arrivare ad aprile 2021, data che invece non è stata rispettata e che, stando all'andamento della produzione, è slittata sicuramente entro la fine del 2021. In una recente intervista, l'ideatore della serie, Alex Pìna, ha dichiarato come si è sviluppato il processo creativo attorno alla serie rivelando che ci saranno vari colpi di scena: "La banda ora sarà spinta in situazioni irreversibili, in una guerra selvaggia. È la parte più epica di tutte le parti che abbiamo girato. Abbiamo passato quasi un anno a pensare a come mettere il Professore alle corde. Come entrare in situazioni irreversibili per molti personaggi. Il risultato è la quinta stagione. La guerra raggiunge i suoi livelli più estremi e selvaggi, ma è anche la stagione più epica ed emozionante".