Non bastano i successi della fiction fatta in casa, né le soddisfazione di aver ritrovato un programma muscoloso e possente alla domenica pomeriggio in grado di rispondere adeguatamente alla concorrenza di Barbara d'Urso. Rai 1 continua ad avere il problema del sabato sera. Nemmeno la proposta alternativa di Alberto Angela e il ritorno di "Portobello" con Antonella Clerici sono bastati a sciogliere i dubbi della prima rete del servizio pubblico sullo spazio più instabile e ricco di incertezze. Due progetti ambiziosi, entrambi dagli ascolti incerti se analizzati nell'ottica del confronto con il competitor diretto. Perché la questione resta sempre quella: come ci si può smarcare dal paragone con quella sorta di monopolio sul sabato sera messo in piedi da Maria De Filippi negli ultimi anni?

E mentre "Tu si que vales" fa numeri da record, difficili da pronosticare per un format giunto alla quinta stagione e apparentemente immune all'invecchiamento, a viale Mazzini sembra regnare l'incertezza per quel che riguarda i sabato sera di inizio 2019. Una sola la certezza, "Ballando con le Stelle", tra i programmi più longevi e fortunati di Rai 1, in grado di tenere testa alla concorrenza della De Filippi nella scorsa stagione. Lo show di Milly Carlucci partirà il 9 marzo e, fatta eccezione per la settimana sanremese che dovrebbe andare in scena tra la seconda e la terza settimana di febbraio, resta scoperta la casella del sabato sera nei primi due mesi del 2019.

Meraviglie o Ora o mai più per i sabato sera del 2019

Al momento la Rai non ha ancora svelato i suoi piani, comunicando agli inserzionisti la programmazione ufficiale fino alle vacanze natalizie, in vigore dal 23 dicembre al 12 gennaio. Che è, guarda caso, un sabato. Pareva altamente probabile il ritorno di Alberto Angela con "Meraviglie", campione di ascolti nella scorsa stagione, favorito da diverse indiscrezioni che davano il programma destinato ai sabato dal 12 gennaio al 2 febbraio. Nelle ultime ore si è fatta avanti la concreta possibilità di una scelta differente, votata all'intrattenimento puro. Si tratta di "Ora o mai più" con Amadeus che, stando a quanto riportato da TvBlog, potrebbe tornare nella nuova collocazione del sabato sera (questa volta in diretta) per sfidare la concorrenza di "C'è posta per te". Sei in tutto le puntate, tre prima di Sanremo, le altre tre subito dopo la kermesse dell'Ariston. Ipotesi certamente meno ambiziosa rispetto a quella dell'approfondimento culturale, supportata dal grande successo della prima edizione e dall'ubiquità di Amadeus, molto amato dal pubblico di Rai 1.

Una Rai in fase di stallo in attesa di nomine

Problema risolto, se almeno una di queste due possibilità venisse confermata dall'azienda, che invece al momento non conferma ufficialmente nessuna delle due ipotesi confermando il presentimento che in questo momento il servizio pubblico sia in una fase di stallo che potrebbe avere due tipi di spiegazioni. La prima è di tipo strettamente editoriale: opporre a "C'è Posta per Te" un prodotto in grado di rappresentare una vera alternativa al people show della De Filippi. La seconda è di carattere politico: mancano ancora i nomi dei nuovi direttori di rete e quella del sabato sera è una scelta delicata che non si può certamente lasciare a chi (Angelo Teodoli) verrà probabilmente sostituito nelle prossime settimane.