Alleluia, il bacio gay in prima serata non è più una roba da caccia alle streghe. Gli ‘strani giorni' del coronavirus ci hanno regalato almeno questa soddisfazione televisiva, questo piccolo guilty pleasure. La quarta puntata di "Vivi e lascia vivere", in onda il 14 maggio 2020 su Rai1, ha finalmente lasciato andare gli ultimi paletti di Giovanni, il figlio di Laura, che in una notte insonne e afosa si è finalmente deciso a baciare il fratello della sua compagna (che intanto dorme ignara nella stessa stanza) Luca, dando così vita a un altro intreccio nella trama. Tra le tante tematiche affrontate dalla serie, Pappi Corsicato ora traccia anche un altro percorso, quello dell'inclusione.

No, non è certo la prima volta che vediamo un bacio tra due uomini – o tra due donne – nella prima serata di Rai1. Provando ad andare a memoria c'erano stati già, in ordine sparso e tra i casi più eclatanti, "Un medico in famiglia" e un tentativo, poi censurato, al Festival di Sanremo 2013, raccontando la storia vera di Stefano e Federico. Su Rai2, quattro anni fa, la rete diretta allora da Ilaria Dallatana decise addirittura di tagliare una sequenza molto importante della serie tv di Shonda Rhimes de "Le regole del delitto perfetto". Siamo tra i quattro e i sette anni fa, quindi non esattamente troppo lontani. La notizia è che le "reazioni" dopo il bacio visto ieri sera, semplicemente, non ci sono state.

Tutto quel battibeccare, anche sui social da parte delle puntualissime e varie associazioni "di settore", a nome spesso di genitori "indefessi", rappresentanti delle famiglie "popolari", sono per una volta rimasti in silenzio. Fino a qualche anno fa si scriveva e si parlava, per categorizzare, di ‘stagione arcobaleno'. Questa volta, la lunga e importante sequenza girata da Pappi Corsicato non finirà in un nessun faldone specifico, in un nessun tag di riferimento. Ci abbiamo messo un po' di tempo, ma forse dopo ieri sera è davvero così: il bacio gay in prima serata è la nuova normalità.