Vittorio Cecchi Gori è stato operato d’urgenza questa notte al Gemelli per un’appendicite acuta. Le condizioni sono stabili. A darne notizia è stato il policlinico di Roma che spiega come il produttore cinematografico sia stato ricoverato tramite Pronto Soccorso e operato d’urgenza dall’équipe del professor Sergio Alfieri. Il produttore sarebbe dovuto essere tra gli ospiti della nuova puntata de "La domenica Ventura", la trasmissione condotta da Simona Ventura e Francesco Rocchi. Simona Ventura doveva intervistare Vittorio Cecchi Gori, raccontando non solo la carriera dell'imprenditore ma anche il lato squisitamente umano, fatto di sofferenze e di grande coraggio. In studio, è invervenuto anche Carlo Verdone: "Abbiamo condiviso la parte più importante della mia carriera". 

Le parole di Simona Ventura

"Sono molto in ansia per Vittorio Cecchi Gori". Ha esordito così Simona Ventura, nel confermare quanto si era già appreso nelle ore precedenti dalle agenzie di stampa. Dal punto di vista umano e professionale, Simona Ventura è molto legata a Vittorio Cecchi Gori anche perché è stato presidente della Fiorentina quando il suo ex marito, Stefano Bettarini, giocava in maglia viola.

Le parole di Carlo Verdone

Anche Carlo Verdone, uno degli attori e registi che ha lavorato con Vittorio Cecchi Gori, è intervenuto in diretta per un messaggio di incoraggiamento nei confronti dell'ex produttore.

Dovevamo andare a cena insieme ieri. Sono rimasto vicino a lui in questi anni, ma ho avuto anche un momento di grande tensione con lui, abbiamo avuto delle incomprensioni. Poi il buonsenso ha prevalso, come deve sempre prevalere. Quando due persone si vogliono bene, è così. Perché io non posso dimenticare che il padre e lui hanno prodotto la parte più importante della mia carriera. Mi hanno sempre dato una grande libertà, una grande fiducia, si sono sempre fidati di me. Il merito è anche del produttore quando un film va bene, lui me l'ha data e io questo non lo posso dimenticare.

La condanna in Tribunale

Alcuni giorni fa, Vittorio Cecchi Gori è stato condannato dal Tribunale civile di Firenze a pagare oltre 19 milioni di euro di risarcimento danni nell'ambito della causa per responsabilità nell'amministrazione della Fiorentina, promossa dalla curatela fallimentare dopo il crac nel 2002.