È Valeria Raciti, segretaria siciliana, a vincere l’edizione 2019 di Masterchef Italia. La catanese è riuscita nell’impresa di travolgere la concorrenza di  Gloria Clama e Gilberto Neirotti soprattutto per merito di un secondo piatto particolarmente fortunato. Alla donna, che in tv è riuscita a risolvere alcune difficoltà di natura personale, oltre che a dimostrare la sua stoffa in cucina, vanno un premio da 100 mila euro in gettoni d’oro e la possibilità di scrivere il suo primo libro di ricette.

Il menu che le è valso la vittoria

Valeria è riuscita a imporsi sui colleghi Gloria e Gilberto con un menu di degustazione rischioso. La prova finale non è partita nella maniera migliore, con la Raciti che ha fatto assaggiare agli chef il primo piatto della serata, una bruschetta realizzata con pane di Altamura, aglio, olio, basilico e specificazione di pomodoro. Gli chef non hanno apprezzato, trovandola grassa. Nemmeno la seconda portata, un cannolo di alici marinate, è riuscita a convincere i giudici che, ancora una volta, hanno ritenuto di non sentire il sapore del ripieno. A consegnare la vittoria alla donna è stato, probabilmente, il secondo piatto. Chiamato “Gli opposti a volte si attraggono”, consisteva di una guancia di vitello e gambero crudo con bisque al Marsala e giardiniera di radici e germogli. L’azzardo è piaciuto ai giudici, rimasti a bocca aperta dopo il primo assaggio.

Le prime parole dopo la vittoria

Subito dopo l’annuncio della sua vittoria, Valeria ha voluto ringraziare quanti hanno dimostrato di avere creduto in lei lungo tutto il percorso a Masterchef Italia: “Voglio dire quanto i meccanismi della gara e le persone che mi hanno accompagnata in questo percorso abbiano fatto la differenza e abbiano invertito la rotta della mia vita”. A consegnarle titolo e premio il trio di giudici, già perfettamente rodato, composto da Antonino Cannavacciuolo, Joe Bastianich e Bruno Barbieri, ai quali quest’anno si è aggiunta la new entry Giorgio Locatelli.