La conferenza stampa di presentazione della 70esima edizione del Festival di Sanremo 2020 ha avuto il suo scandalo a scoppio ritardato. Le parole di Amadeus al momento di presentare Francesca Sofia Novello, una delle dieci donne (più Mara Venier) che saliranno sul palco del Teatro Ariston alternandosi nella co-conduzione, sono state tacciate di sessismo. Come Frodo, Amadeus sta cominciando a sentire il peso dell'anello nel suo gilet.

Che cosa ha detto Amadeus

Ma che cosa ha detto Amadeus sul conto di Francesca Sofia Novello? In conferenza stampa, parlando di lei, Amadeus ha esordito così: "Ovviamente sono tutte belle, ma Francesca Sofia Novello è una mia scommessa personale". Poi il vero virgolettato che ha messo in moto la macchina del fango sul conduttore: "L'ho scelta perché vedevo che, intanto per la bellezza, ma la capacità di stare vicino a un grande uomo stando un passo indietro". 

La polemica su Amadeus

In fase di presentazione, probabilmente perché c'era più attenzione sui nomi degli ospiti e sulla struttura del Festival, queste parole di Amadeus sono passate sotto traccia. Da alcune ore, però, cominciano a crescere i tweet sull'argomento. Amadeus viene accusato di sessismo per aver parlato del concetto di bellezza come "un merito". Sarebbe quel"L'ho scelta perché, intanto per la bellezza…" a tradirlo. Essere belli, certamente, non è un merito.

La frase sul "passo indietro"

Ma è la frase sul "passo indietro" rispetto a Valentino Rossi, e quindi indirettamente in riferimento alla sua carriera, che ha fatto letteralmente scatenare il processo mediatico. Amadeus potrebbe però essere stato frainteso.

Francesca è una scommessa personale perché ero curioso. Questa ragazza molto bello, sappiamo essere la fidanzata del grande Valentino Rossi. Ma è stata scelta da me – intanto per la bellezza – ma per la capacità di stare con un grande uomo ma stando un passo indietro. E poi è simpaticissima.

Il "passo indietro" a cui fa riferimento, probabilmente, potrebbe essere in relazione al fatto che la modella non ha mai approfittato in tutto questo tempo del nome del suo compagno, che resta il pilota di motociclette italiano più famoso e vincente degli ultimi 50 anni. La Novello non ha mai partecipato a reality, a tv show in cui poteva essere richiesta la sua presenza nelle vesti di "fidanzata di".

Un terreno scivoloso

Ci troviamo in un terreno scivoloso. Non vuole essere una difesa al povero Amadeus, che sta cominciando a capire cosa vuol dire davvero essere conduttore e direttore artistico del Festival di Sanremo. Perché, pur ammettendo o presumendo un fraintendimento, quella frase messa in quel modo pone la Novello in funzione di Valentino Rossi, e non come un soggetto indipendente. Sembra quasi un lapsus freudiano quello del povero "Ama". Come a dire: "Sei qui perché sei bella e perché sei la fidanzata di Valentino Rossi. Ma non lo posso dire".