tiziana-vince-masterchef

E' stata la gara tra la razionalità estrema e la fantasia. Il genio ribelle di Maurizio Rosazza contro gli schemi metodici di Tiziana Stefanelli. MasterChef Italia 2 è stato vinto dalla seconda alla fine, aggiundicandosi  il premio finale, 100mila euro in gettoni d'oro e la possibilità di pubblicare il suo primo libro di ricette per la Rizzoli Editore. I due concorrenti si sono cimentati in un menu completo a loro scelta, un percorso di sapori. Il menu di Tiziana è stato molto ambizioso, a la francaise, mentre quello di Maurizio è decisamente sperimentale. Gli stessi giudici sono d'accordo nel valutare entrambi i menu presentati come riflessi perfetti delle rispettive personalità dei concorrenti.

L'assaggio al ristorante. I piatti vengono assaggiati al ristorante di MasterChef Italia 2, Maurizio presenta gnocchetti affumicati con brodetto di mare e capesante. Per i giudici il piatto non è dei migliori. Tiziana prepara un piatto chiamato "Emozionanti Sorprese in crema di risotto". Un piatto da mangiare in verticale, rivela Tiziana. Per Cracco è un piatto greve, non elegante, ma molto buono. Si passa ai secondi. Maurizio presenta una "sfogliatella di mare" creata con il baccalà. Barbieri apprezza, anche se rivela "avrei comunque fatto qualcosa di diverso". Per Cracco c'è troppo sale, per Bastianich va benissimo. Tiziana gioca di furbizia e presenta le "Animelle croccanti con crema francese di cavolfiori e cime di rapa ai ricci". Ancora una volta Cracco difende il piatto di Tiziana, Bastianich non è d'accordo: "Le rape ed il riccio di mare insieme sono immangiabili". Cracco contrattacca: "Preferisco chi ama rischiare".

Sul dolce la differenza la fa Tiziana. Il dolce di Maurizio si chiama "Gli anni Ottanta". E' un dessert intenso, creato con il contrasto tra wasabi e cioccolato. Cracco approva: "Hai messo molto coraggio in questo piatto. Bastianich boccia: "Il cioccolato non ha senso". La creatività e le idee di Maurizio contro la furbizia di Tiziana che serve un dessert a base di elisir di sambuco, castagne e lampone. Straordinario per Barbieri, anche per Cracco che, però, fa notare uno scarso impiattamento. Il severo Bastianich fa notare che le castagne candite erano già fatte così come la viola candita.

La vittoria finale va proprio a Tiziana. Razionale, furba, coscienziosa.