Con la fine dei programmi televisivi in vista della stagione estiva, è tempo di saluti e, qualche volta, di addii. È il caso di Tiberio Timperi, che si è congedato da Uno Mattina in Famiglia nell'ultima puntata in onda con un discorso moto emozionante, dopo ben 22 anni passati nel programma (a Mattina in famiglia dal 1996, alla successiva versione Uno Mattina in Famiglia dal 2011, oltre a Unomattina Estate nel 2017). Timperi ha sottolineato l'importanza di alcune battaglie portate avanti dalla trasmissione:

Sono entrato in questo programma che ero un ragazzo e ora ne esco uomo. Ventidue anni sono una vita nella quale è successo di tutto: forse più di quanto potete immaginare! Cose belle come la nascita di mio figlio e cose meno belle, ma utili per andare avanti… Per me siete diventati una seconda famiglia. Anzi, in certe strettoie della vita, siete stati la mia unica famiglia ed è stato un privilegio condividere albe, storie, caffè. Grazie per l’affetto che mi avete regalato e per gli ascolti che ci hanno permesso spazi e libertà. Libertà di intrattenere e informare. Quando le cose non ci piacevano, le abbiamo cambiate riuscendoci. Se il diritto di famiglia è cambiato, lo si deve anche a questa trasmissione.

Il ringraziamento al padre Flavio, era tecnico in Rai

"Ho coronato il sogno di tornare in Rai nel 1996 grazie a Michele Guardì e a Gabriele La Porta, sono nel mio cuore", ha continuato il conduttore, che ha quindi voluto ringraziare il padre Flavio Timperi, che lavorò come tecnico in Rai.

 Il grazie più profondo va alle maestranze Rai, potrei fare tanti nomi, ne scelgo uno: un tecnico che mi ha insegnato etica e onestà. Mi guardava con orgoglio e lui guardava con orgoglio me. Ricordo pure il numero della sua matricola e non potrebbe essere altrimenti: dedico questi 22 meravigliosi anni a mio padre Flavio, perché ci sta che tutto resti in famiglia.

Il saluto a Lamberto Sposini

Timperi ha inoltre ricordato il collega e amico Lamberto Sposini: "Io e Ingrid (Muccitelli, ndr) abbiamo una frequentazione in comune che abbiamo perso per altri problemi, credo sia giusto salutare Lamberto Sposini che è stato uno dei punti di riferimento de La vita in diretta". Sposini è assente dalla tv italiana dal 2011, quando venne colpito da un ictus seguito da emorragia cerebrale, proprio mentre stava conducendo La vita in diretta. Il giornalista è tornato a condurre una vita pressoché normale, nonostante abbia perso l'uso della parola.

Timperi a La vita in diretta

Come dicevamo, il riferimento a Sposini non è casuale, dal momento che Timperi sarà il conduttore della prossima stagione de La vita in diretta, al posto di Marco Liorni (che potrebbe passare a Domenica In). Lo vedremo al fianco di Francesca Fialdini, a partire da settembre.