Sono trascorsi diversi giorni dalla morte di Nadia Toffa, ma il cordoglio, le reazioni e i riconoscimenti per la giornalista scomparsa non accennao a placarsi. In queste ore circola una raccolta firme promossa sul sito Change.org che certifica il grande rapporto instauratosi tra la conduttrice e la città di Taranto, più volte oggetto dei suoi approfondimenti per l'impatto e gli effetti che l'Ilva aveva ed ha sulla città in termini ambientali e di salute. La proposta è quella di intitolare alla conduttrice e inviata de Le Iene il reparto Oncoematologico Pediatrico dell'ospedale SS. Annunziata di Taranto. Ecco il testo completo della petizione lanciata da Alessandra Marotta, che l'ha inviata al direttore generale dell'Asl competente e al governatore della Regione Puglia Michele Emiliano:

La conduttrice de "Le Iene", Nadia Toffa è scomparsa il 13 agosto 2019 a causa di un tumore.

Era cittadina onoraria di Taranto, su delibera del Consiglio comunale. Questo il riconoscimento che le era stato dato per le sue battaglie in difesa della salute dei tarantini,e dei bambiniin particolare modo, salute costantemente minacciata dall'inquinamento del polo siderurgico.

Grazie a Nadia Toffa, Taranto ha un reparto Oncoematologico Pediatrico.

Credo che sia giusto dare a questo reparto il suo nome, per ringraziarla l’impegno e la speranza che ha regalato ai genitori e bimbi di Taranto poco fortunati.

A giugno del 2018 Nadia Toffa era stata omaggiata della cittadinanza onoraria di Taranto, in virtù dei risultati raggiunti dalla campagna "Je jesche pazz pe' te", grazie alla quale erano stati raggiunti risultati consistenti in termini di raccolta fondi derivante dalla vendita di magliette realizzate appositamente.

E questa petizione non è il solo gesto d'affetto che la città di Taranto ha voluto indirizzare alla giornalista scomparsa. Nelle scorse ore un gesto molto significativo e commovente è arrivato dai tifosi del Taranto, che hanno scandito il nome di Nadia Toffa poco prima del fischio d'inizio della sfida con il Fasano, unendosi nell'abbraccio ideale alla conduttrice morta alcuni giorni fa.