Opinioni
15 Marzo 2021
19:03

Speravo de morì prima, la recensione: Pietro Castellitto è un grande Francesco Totti

“Speravo de morì prima”, la serie su Francesco Totti al debutto il 19 marzo alle 21.15 su Sky Atlantic e in streaming su Now Tv, è ironica, viscerale e sincera. Grande merito a una scrittura che si prende la libertà di giocare con l’onirico e che disinnesca il rischio di cadere nella macchietta grazie a un registro spensierato. Pietro Castellitto è semplicemente perfetto.

Ironica, viscerale, sincera. Speravo de morì primala serie su Francesco Totti al debutto il 19 marzo alle 21.15 su Sky Atlantic e in streaming su Now Tv, è proprio come il Capitano. Non era facile centrare l'obiettivo per quanto scivoloso sia parlare di un universo che, in fin dei conti, è ancora così vivo nella memoria di sportivi e non. Si poteva cadere nel retorico, nel cliché, nel pomposo, o peggio, nella macchietta. E invece la serie tv diretta da Luca Ribuoli con Pietro Castellitto nei panni del numero 10 della Roma è deliziosa e perfetta proprio perché riesce a disinnescare quei rischi con un registro spensierato. Poteva finire per essere una serie drammatica, invece è una commedia tutta da sorridere.

Bastano pochi minuti, un paio di inquadrature e il patto con lo spettatore è siglato; tutti i personaggi si muovono nei binari giusti, la sospensione d'incredulità funziona. Non c'è pericolo di cadere in un equivoco. La struttura regge fino alla fine e i paragoni potenzialmente ingombranti con tutti i personaggi viventi e attuali, si dissolvono. Pietro Castellitto, che non è lontanamente vicino fisicamente a Francesco Totti, è invece semplicemente perfetto. E, proprio come sul rettangolo di gioco, più avanza il minutaggio tanto più l'attore entra in partita. E questo concetto vale per tutti: Greta ScaranoIlary Blasi (is on fire! è un momento d'oro per l'attrice), Gianmarco Tognazzi nel ruolo di Luciano Spalletti (un grande lavoro, il suo), Gabriel MontesiAntonio Cassano (delizioso!), Monica Guerritore nei panni di Mamma Fiorella e Giorgio Colangeli nel ruolo di Enzo, il padre di Totti.

Il merito è di una scrittura (di Stefano Bises, con Michele Astori e Maurizio Careddu) che si prende la libertà di giocare anche con l'onirico e con il metafisico. Passaggi che aiutano molto a mantenere un accordo con chi guarda, come a dire: stiamo raccontando la storia di Francesco Totti, ma questa è anche la tua storia. Ed ecco che al centro della scena ci finisce la passione per il pallone: la romanità e l'amore romanista qui sintetizzato nel senso più universale e ampio possibile. Questa storia di Francesco Totti, che si è visto negli ultimi due anni di carriera costretto mettere in discussione per un'ultima volta, un necessario viatico al tragico epilogo – il ritiro, appunto: Speravo de morì prima – valeva la pena di essere raccontata anche in questo modo. La migliore possibile dopo "Mi chiamo Francesco Totti" di Alex Infascelli. Complimenti.

Gennaro Marco Duello (1983) è un giornalista professionista. Lavora a Fanpage.it dal 2010 nella redazione Spettacolo. Dal 2012 al 2016 ha ideato e condotto il format “Fanpage Town”, dedicato al mondo della musica con interviste e performance dal vivo. Dal 2020 conduce, per la live Youtube di Fanpage.it, la rubrica “L’hai vista questa?” sul mondo delle serie tv.
Miriam Leone ha sposato Paolo Carullo, la prima foto dopo le nozze
Miriam Leone ha sposato Paolo Carullo, la prima foto dopo le nozze
Speravo de morì prima, Castellitto fa Totti. Il cast della serie sulla vita del capitano della Roma
Speravo de morì prima, Castellitto fa Totti. Il cast della serie sulla vita del capitano della Roma
531 di Videonews
"Speravo de morì prima", Totti e l'età che avanza
"Speravo de morì prima", Totti e l'età che avanza
Speravo de morì prima, la serie tv su Francesco Totti dal 19 marzo su Sky: ecco il trailer ufficiale
Speravo de morì prima, la serie tv su Francesco Totti dal 19 marzo su Sky: ecco il trailer ufficiale
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni