Se si dovesse delineare la figura del viveur napoletano non sarebbero pochi a collegarla con il nome di Sergio Assisi. Sarà per i ruoli interpretati nella sua carriera, sia televisiva che cinematografica, sarà per quel modo di fare un po' scanzonato e la battuta sempre pronta, ma l'attore napoletano incarna perfettamente il ruolo del "malandrino" e di un artista sempre in movimento che, come si suol dire, una ne pensa e cento ne fa. Questa sera, 6 settembre 2019, sarà ospite dell'ottantesima edizione di Miss Italia, che andrà in onda su Rai1.

La vita privata

L'attore non è mai stato avvezzo alla vita mondana ed è comparso poche volte negli archivi delle cosiddette cronache rosa. Dopo una relazione lunga sette anni con l'attrice Gabriella Pession, conosciuta sul set della fiction Capri, Sergio Assisi sembra proprio che non abbia più trovato l'amore.

L'attrice nel settembre del 2016 si è sposata con il compagno Richard Flood e, in occasione del lieto evento, Sergio Assisi non mostrò alcun tipo di rancore o dispiacere, anzi, in un'intervista dichiarò: "Provo grande contentezza per Gabriella: l’affetto continua, so che lei è felice e di conseguenza lo sono anche io. Una famiglia era quello che desiderava. A me non rode e spero anche che gli altri sappiano gioire per me e i miei successi".

Nessuna foto che in questi anni lo immortalasse al fianco di qualche donna misteriosa, né indiscrezioni che potessero confermare qualche flirt. All'età di 47 anni, si conferma ancora come uno degli scapoli d'oro della televisione italiana, dotato di quel fascino un po' ‘scostumato', quell'atteggiamento sempre scherzoso e quel contagioso sorriso sempre stampato in volto.

Gli esordi al cinema

Il teatro è stata la sua prima passione, ma Sergio Assisi può vantare una ricca carriera anche in televisione, nonché al cinema, dove ha ottenuto numerosi riconoscimenti per le sue innegabili capacità interpretative, che lo rendono un attore versatile e largamente apprezzato. Il suo film d'esordio nel 1998, Ferdinando e Carolina, diretto da Lina Wertmuller, lo ha visto protagonista nei panni di Ferdinando IV di Borbone, per la cui interpretazione fu candidato al Globo d'Oro, mentre qualche anno più tardi vinse il premio al Festival del Cinema di Salerno, per il film del 2006 Amore e libertà- Masaniello. Napoli è il filo conduttore di gran parte delle sue interpretazioni, ma è anche il cuore del suo primo film da regista, "A Napoli non piove mai", con cui debutta nel 2014.

Le fiction di successo

Il successo vero e proprio arriva con la fiction Capri, nella quale interpreta il ruolo dello scapestrato Umberto nelle prime due stagioni della fortunatissima produzione della Rai. Da qui in poi i ruoli affidatigli sul piccolo schermo sono sempre più frequenti, come quello dell'antagonista in Assunta Spina, al fianco di Bianca Guaccero, personaggio simile a quello che interpreterà nella seconda stagione di Elisa di Rivombrosa, in cui è il barone di Conegliano.

Sarà di nuovo diretto da Lina Wertmuller nella serie Mannaggia alla miseria, in cui è il protagonista. Una notevole interpretazione che lo ha consacrato nell'Olimpo delle fiction tv è quella de "Il Commissario Nardone", nel 2010, che ebbe un grande successo in termini di pubblico. Dopo altre apparizioni televisive, torna nel 2016 al fianco di Sabrina Ferilli nella fiction "Rimbocchiamoci le maniche", nel 2017 è uno dei protagonisti della fiction di Rai1, "Basta un paio di baffi" e nel 2018 entra nel cast della terza stagione di "Una pallottola nel cuore" con Gigi Proietti e Francesca Inaudi.