A poche settimane dal Festival, si continua a tracciare il quadro in tema di sicurezza che verrà messo in atto durante Sanremo 2021. Oltre all'ormai nota decisione di mettere in scena la kermesse musicale per la prima volta senza il pubblico, si era parlato della possibilità di stabilire "zone rosse" per evitare assembramenti nei punti di maggiore interesse della città. La scorsa settimana il prefetto di Imperia ha ritenuto che non sarà necessaria nessuna zona rossa, ma nella giornata di giovedì 11 febbraio è stato deciso di procedere comunque con specifiche ordinanze, per regolare l'affluenza nelle aree ritenute più "calde" della città dei fiori.

Divieto di sosta per pedoni davanti all'Ariston

Nel corso del Comitato per l'Ordine e la Sicurezza pubblica, che si è tenuto in prefettura ad Imperia, si è discusso ancora una volta di norme anti Covid e anti assembramenti. Tra le norme messe in atto in vista del Festival, la principale novità è che davanti al teatro Ariston e nei paraggi degli alberghi sarà vietata la sosta ai pedoni. Lo stesso varrà per tutte le zone ritenute "più calde" della città dal 2 al 6 marzo 2021, dove ai pedoni sarà consentito, per evitare assembramenti, soltanto di transitare senza fermarsi.

Vietati gli eventi collaterali al Festival

Per lo stesso motivo negli scorsi giorni è stato stabilito che saranno vietati tutti gli eventi legati al Festival di Sanremo, che in genere si svolgono all'esterno del teatro Ariston e che da tradizione animano la città dei fiori per l'intera settimana della kermesse. Stabilito che nessun pubblico, né pagante né figurante, sarà in sala all'Ariston, erano proprio questo tipo di manifestazioni a preoccupare maggiormente il sindaco della città Alberto Biancheri, come aveva spiegato lui stesso in un'intervista a La Stampa. Per questo motivo il Festival si concentrerà solo ed esclusivamente sugli eventi serali e a porte chiuse che si svolgeranno all'Ariston dal 2 al 6 marzo.