La resa dei conti tra Matteo Salvini, Alba Parietti e Asia Argento passa da Barbara D'Urso a Live – Non è la Durso. Ospite della trasmissione e messo al centro delle sfere, l'ex ministro degli Interni ha risposto alle accuse mosse a suo carico. In particolare, i tre hanno rispolverato vecchie questioni e offese, come il Salvini merda scritto dall'Argento su Twitter e quel guanto di sfida lanciato dalla Parietti nel lontano 2015. Tutto parte dalla prima sfera girata con luce rossa, palesemente contraria, dentro la quale è seduta la figlia del maestro dell'horror.

Asia Argento contro Matteo Salvini

Matteo Salvini e Asia Argento cominciano a rispolverare vecchi rancori, in particolare quelli dell'attrice, che ancora non ha sopito il suo dissenso nei confronti del noto politico. Era il 20 Luglio 2018 quando Asia scriveva su Twitter, ai tempi in cui c'era ancora su Twitter, ‘Salvini merda‘ e l'allora ministro degli Interni l'aveva invitata a bere una camomilla prima di sedersi davanti al pc, come ha ribadito anche ieri sera in diretta tv: “Avevo invitato Asia Argento bere una camomilla, sapete perché? Aveva scritto #Salvinimmerda. Ma a lei sembra normale scrivere così a un ministro? I miei genitori mi hanno dato un’educazione diversa”. Eppure, quando la nota attrice fu accusata di molestie da Jimmy Bennett, anche lui ci era andato giù pesante, condividendo l'articolo in questione e scrivendo con tono giustizialista (seppur in assenza di condanne) "Questa è la “signora” che mi insultava ogni due minuti, e mi ha dato del razzista e della m…a? Mamma mia che tristezza…".

Asia Argento non ci sta e rilancia, nonostante il pubblico in studio sembri essere totalmente a favore del suo ‘antagonista': "Dopo il suicidio del mio compagno lei mi ha messo alla berlina contro milioni di persone sui social. Mi ha offerto una camomilla perché le avevo scritto un insulto: 14 persone della mia famiglia sono state uccise nei campi di concentramento, e quando lei si prende gioco della la Festa della Liberazione mi arrabbio. E poi come può perdere tempo con un’attrice?" e chiude "Si rende conto che ha sdoganato l’odio sociale? Sono una signora io…”. Sul ‘sono una signora', le persone in studio hanno iniziato a rumoreggiare in segno di dissenso, subito ammoniti dalla D'Urso e dalla Parietti. “Una signora che dice ‘Salvini merda’…”, ha poi sottolineato il leader della Lega, "ma non fa niente, io non porto rancore. Le porterò volentieri quella famosa camomilla…"

Alba Parietti contro Matteo Salvini

Quello tra Alba Parietti e Matteo Salvini è invece un dissapore ben più datato. Siamo nel novembre del 2015 quando Salvini scrive: "Sarei terrorizzata se Salvini guidasse il Paese, sarebbe quasi da andare via. Salvini fa discorsi da bar, dove arrivava il bullo e sparava cazzate", Ecco il profondo pensiero di Alba Parietti. Non so se questa "compagna" fa più ridere o fa più pena". Istantanea, lo stesso giorno, la risposta della nota opinionista e showgirl su Facebook:

Se Salvini parla dei miei commenti … Immagino ne senta il peso ,quindi sia pronto , a un faccia a faccia pubblico … A meno che non tema una che gli "fa' pena. "Io i bulli da bar li sfido con piacere. È' il mio pane . Certo io uno come lui non lo temo. Lo schiaffeggio pubblicamente, se ha il coraggio ed è' un uomo d'onore accetti la sfida Raccolga il guanto…. Ammesso che di ciò conosca il significato ….siccome vuole dialogare con i rom e con centri sociali, sicuramente sarà in grado di discutere anche con una " soubrette" meno soubrette di lui .Antropologicamente totalmente ignorante. Non conosce la storia , cerca solo facili consensi sul malcontento e sulle frustrazioni .

Lo scontro nello studio di Barbara D'Urso riparte da qui e riprende ad alimentarsi sull'argomento migranti, sul quale la Parietti ha le idee ben chiare: “Gli sbarchi non sono mai stati bloccati, ci parli dei numeri e dei suoi risultati, visto che il mare è una tomba silenziosa” e Matteo Salvini le risponde secco: "Negli ultimi anni siamo scesi da 180.000 dall’epoca Renzi a 5.000 sbarchi. E soprattutto ho più che dimezzato morti e dispersi. Io non ho nemici se non gli scafisti, trafficanti di esseri umani […] In Italia vivono 5 milioni di stranieri che portano rispetto, pagano le tasse, mandano i figli a scuola. Loro sono miei fratelli. Io ce l’ho solo con clandestini e delinquenti che sono qua per fare casino".

La Parietti allora incalza: "Lei ad agosto ha deciso di sfasciare il governo, poi però vorrebbe inciuciare con le stesse persone con cui ha rotto…", incalza Parietti, beccandosi un'altra risposta piccata: "La sovranità appartiene al popolo. Se il governo non regge, è giusto tornare al voto. Io adoro chi non la pensa come me. Adoro il confronto. Onoro profondamente chi ha combattuto per la libertà nel nostro Paese. Non torneranno più né il fascismo né il comunismo, non torneranno le dittature né di destra né di sinistra".