Da un "è tornato in posizione eretta" a una "sciabolata morbida", da un "‘ccezionale" a un "proprio lui". La Partita del Cuore 2018, ieri sera, è stata anche questo. Nel segno del ricordo dell'indimenticabile Fabrizio Frizzi, tre voci così diverse si sono riunite per la nobile causa che la Nazionale Cantanti porta avanti dal 1981. Alberto Rimedio, la voce del calcio in Rai, Sandro Piccinini, storico commentatore Mediaset e Fabio Caressa, la voce più nota della pay-tv, da Tele+ a Sky. Il commento della partita affidato alle tre storiche voci del mondo del pallone, in chiaro e in pay-tv, è qualcosa di curioso e affascinante. Stuzzica nello spettatore i ricordi dei grandi match, offre qualcosa in più questo "mucchio selvaggio" (per dirla ancora con le parole di Sandro Piccinini) e, soprattutto rivela quelle che sono le enormi strutturali tra i tre.

Che differenza tra le tre voci

Che Sandro Piccinini sia in assoluto la voce del calcio visto dalla televisione commerciale, quella che ha contribuito ad accompagnare lo spettatore alla rivoluzione e al transito nel calcio moderno, è fuori discussione. Proprio lui (!!!) una volta spiegò così il suo ricorrere a un linguaggio più incisivo e meno prolisso: "Non posso dire “La palla ha assunto una traiettoria molto alta e dopo aver superato l’estremo difensore si perde inutilmente sul fondo”. “Non va”. Mi sembra più incisivo". Alberto Rimedio, invece, continuava a mantenere una rigida impostazione in perfetto stile "Rai". Come se fosse un Italia-Germania del 1970. Fabio Caressa, invece, non perde un colpo e mantiene lo sguardo cinico, tipico delle sue partite su Sky.

La ripresa di Caressa a Rimedio: Telecronista generoso!

Una testimonianza Al 15esimo del primo tempo, un contropiede fulmineo della Nazionale Cantanti guidato da uno scatenato Moreno sulla fascia destra si perde quando Fede manca clamorosamente il pallone tutto solo in area. È a quel punto che emerge tutto lo stile Rai di Alberto Rimedio in un bonario: "Rimbalza male il pallone!". Fabio Caressa non perde l'impostazione Sky: "Eh, telecronista generoso…". A quel punto parte un siparietto con Sandro Piccinini che cerca di stemperare: "Vabbè, è in tema con il clima della serata" e Rimedio che cerca aiuto prima nel replay e poi Carlo Conti: "Tu mi devi appoggiare". Quando parte il replay, però, vediamo che il rimbalzo effettivamente non c'è, i due commentatori ospiti quasi se la ridono: "Avevi ragione, è rimbalzato male". Un momento comico e sincero che però ci ha detto tutto sul diverso modus operandi dei tre.