Paolo Sorrentino è stato l'ospite d'onore dell'ultima puntata del programma ‘A raccontare comincia tu', condotto da Raffaella Carrà. Il regista ha raccontato alcuni momenti dolorosi della sua vita privata, come la morte improvvisa dei suoi genitori, deceduti nel sonno per via del monossido di carbonio sprigionato da una stufa. Poi la conduttrice, si è concentrata sulla carriera di Sorrentino, svelando un aneddoto inedito.

Perché Sorrentino ha sbattuto il telefono in faccia alla Carrà

Il regista e la conduttrice hanno ricordato un aneddoto singolare. Tutti sapranno che nella colonna sonora del film ‘La grande bellezza‘ c'è il brano ‘Far l'amore‘, remix di Bob Sinclar del successo di Raffaella Carrà ‘A far l'amore comincia tu'. Dopo la vittoria dell'Oscar, la Carrà ha contattato Paolo Sorrentino per complimentarsi. Peccato che lui non l'abbia riconosciuta:

"Dopo l'Oscar ti ho chiamato perché c'era questa mia canzone che pensavo durasse un minutino e invece durava di più. Quindi ti ho telefonato e ho detto: ‘Volevo farle i complimenti', ti davo ancora del lei, tu non credevi che fossi io e mi hai detto ‘Grazie' e hai chiuso".

La scelta del brano ‘Far l'amore'

Paolo Sorrentino ha svelato come mai la sua attenzione è stata catturata dal brano ‘Far l'amore' tanto da renderla la colonna sonora del film ‘La grande bellezza': "Ho scelto quella canzone perché è lunghissima, a me piace che una canzone in un film sia lunga, estenuante. La scena in cui suona quella canzone dura 6-7 minuti, per farla ci abbiamo messo più di tre giorni. Quel brano è la quintessenza della gioia e della ballabilità".

Raffaella Carrà rimprovera il regista

La conduttrice, con un pizzico di ironia, ha rimproverato il regista per aver assegnato il suo brano a una scena che reputa poco edificante, soprattutto per lei che non è mai stata una donna dedita ai festeggiamenti selvaggi e sopra le righe: "In quella scena mi hai messo in mezzo a gente superficiale che prende la cocaina, non è esaltante per me che sarò andata a una sola festa nella vita. Mi sono trovata in mezzo a gente che fa i trenini".

Le critiche a ‘La grande bellezza'

Nel mondo il film di Paolo Sorrentino è stato apprezzato. In Italia, la critica è stata molto più severa nei confronti de ‘La Grande Bellezza'. Il regista l'ha presa con filosofia. Ritiene che la sua sia commedia, scambiata erroneamente per cinema d'autore:

"Sì ho ricevuto molte critiche, fa parte del gioco. Io faccio film che o si amano o si odiano. Hanno una loro forma strana di coraggio. Per me il cinema è una forma di divertimento e ciò non viene visto bene dalla critica. Vorrebbero qualcosa di più rigoroso, ma per me quella è una forma di rachitismo. Mi ritrovo in mezzo al cinema d'autore, ma la mia ambizione è fare la commedia. Non sapendola fare, la mia commedia viene messa nel cinema d'autore (ride, ndr)".